Cartello sulle chip memory: 331 milioni di multa

ANTITRUST

La Commissione Ue sanziona 10 produttori di memorie Dram utilizzate nei computer e nei server

di Enzo Lima
Una maxi multa del valore di oltre 331 milioni di euro. E' quella che la Commissione Ue ha inflitto a un gruppo di dieci imprese produttrici di Dram, un tipo di memoria informatica utilizzata nei computer e nei server con l'accusa di aver fatto cartello nel fissare i prezzi dei chip. Nel dettaglio le aziende condannate da Bruxelles sono: Micron, Samsung, Hynix, Infineon, Nec, Hitachi, Mitsubishi, Toshiba, Elpida, Nanya. L'ammontare della sanzione è stato ridotto del 10% visto che le aziende coinvolte hanno riconosciuto le loro colpe. A pagare il prezzo più salato sarà Samsung, con oltre 145 milioni di euro. Nessuna ammenda, invece, è stata inflitta a Micron che ha rivelato l'esistenza del cartello.

19 Maggio 2010