IT, riparte la spesa. "Ma il governo non sia miope"

RAPPORTO ASSINFORM

Rapporto Assinform: segno ancora negativo per gli investimenti ma rispetto al 2009 si sono recuperati quattro punti percentuali. E a fine anno si tornerà alla crescita. Fa da traino la spesa delle aziende, mentre la PA arranca. Angelucci: "Il governo adotti la logica dei tagli intelligenti. Basta con l'atteggiamento miope che penalizza l'IT"

di Federica Meta
Riprendono gli investimenti IT. A dirlo il Rapporto Assinform 2010, presentato oggi a Milano, secondo cui, dopo il pesante calo di -8,1% nel 2009, nel primo trimestre del 2010 in Italia si rilevano i primi segnali di ripresa della domanda. Per la fine del 2010 l'associazione prevede una crescita dello 0,2%, per un valore totale di circa 43,2 miliardi di euro.

Il decremento di – 2,9% a fine marzo segnala, infatti, un recupero di quattro percentuali rispetto al -6,8% registrato nello stesso periodo del 2009. La tendenza alla ripresa degli investimenti IT è confermata dall’indagine congiunturale Assinform - realizzata ad aprile - che ha rilevato come, per il 40% delle imprese informatiche, l’andamento degli ordinativi sia migliorato o molto migliorato (mentre a febbraio 2009 le imprese che davano gli ordini in miglioramento non erano più del 19%); che gli stessi budget IT delle aziende-clienti, risultano in crescita per il 22%, nel caso della spesa corrente (17,8% l’anno prima), e soprattutto, per quanto riguarda gli investimenti per nuovi progetti, ben il 54% delle imprese intende svilupparne di nuovi, contro il 20% dell’anno prima. Tuttavia il miglioramento degli ordinativi sembra essere a vantaggio soprattutto delle imprese IT di dimensione maggiore, mentre il 40,9% delle piccole e il 50% delle medie valuta l’andamento degli ordinativi in peggioramento.

Sul fronte dell’occupazione le rilevazioni Assinform indicano per i lavoratori dipendenti una situazione di relativa stabilità (dal 64,9% al 70,2% ), che tuttavia non riguarda le medie aziende IT comprese tra 50 e 249 addetti, in cui, rispetto a febbraio 2009, si segnala un peggioramento . Ancor più negative appaiono le rilevazioni sui consulenti, dove le percentuali di risposte che indicano un peggioramento sono rilevanti sia nelle medie aziende IT (50%) che nelle grandi (61.2%).
D’altro canto il Rapporto Assinform evidenzia come i tagli sulla spesa It, che nel 2009 sono stati complessivamente dell’ordine di - 8,1% (+ 0.8% nel 2008), facendo scendere il volume del mercato a 18.686 milioni di euro (20.343 mln nel 2008), abbiano interessato in modo consistente tutti i settori dell’economia italiana. Rispetto all’anno precedente il mercato IT del segmento industria è calato del - 9,5% (+1,8% nel 2008), quello delle banche del -10,4% (1,2%), delle Tlc e media del -9,4% (-2,1%), del mercato consumer del -6,2% (+4,4%), dei trasporti del -7,7% (-1,4%), della distribuzione e dei servizi del -7,5% (+1,3%).
Particolarmente preoccupante la situazione della Pa, già da alcuni anni interessata da un processo di decrescita degli investimenti in IT, che si riflette nei ritardi del processo di modernizzazione, nella difficoltà a far decollare i servizi digitali e a trovare più elevati standard di efficienza. Nel 2009 la spesa IT ha subito un calo di - 4,3% (-2,2% nel 2008), la Pal -5,1% (+0,7%), la sanità -3,7% (+2,1%). Nel 2009 la spesa pubblica IT si è attestata alla modesta cifra di 2.297 milioni di euro (è esclusa la difesa, la cui spesa, diminuita del 9,4%, ammonta a 533 milioni di euro).

Il confronto con l’estero indica come nel 2009 il gap tecnologico italiano si sia notevolmente approfondito rispetto ai principali paesi. Il mercato IT italiano si è contratto di più del mercato mondiale (-5,4%) e dei mercati dei paesi con cui competiamo: Usa -6,1%, UK -6,7%, Germania -4,5%, Francia – 3,4%. Hanno fatto peggio di noi solo la Spagna a -9,1% e il Giappone a -8,7%. Oggi siamo invece ultimi nella classifica sull’intensità di spesa IT. Con un rapporto spesa IT/Pil pari a 1,9% e spesa IT/procapite pari a 316 $, siamo dietro a Usa (4,0% e 1411$) Giappone (2,3%, 838$), Germania (3,4%, 880$), Regno Unito (3,3%, 972$), Francia (3,4%, 856$), Spagna (2,0%, 316$).

“Oltre la buona notizia sulla ripresa della domanda, il fatto rilevante è che la spinta maggiore deriva da investimenti in nuovi progetti IT da parte di aziende manifatturiere e dei servizi – spiega il presidente di Assinform, Paolo Angelucci -. Si tratta, ben inteso, di un fenomeno ancora molto fragile, che riguarda prevalentemente le imprese di medie dimensioni, più aperte ai mercati esteri. Tuttavia evidenzia un cambio di strategia: numerose aziende italiane ormai considerano l’IT non solo come strumento per ridurre i costi aziendali, ma soprattutto come investimento chiave per riavviare e consolidare il percorso di crescita. Le cattive notizie riguardano il peggioramento dell’occupazione nel settore IT, soprattutto per consulenti e lavoratori indipendenti, riflesso dei forti tagli operati sulla spesa in informatica nel 2009 da tutti i settori dell’economia italiana; la continua discesa degli investimenti in It della PA, che pesa negativamente sul processo di modernizzazione; l’approfondimento del nostro gap tecnologico con l’estero, che ci porta a essere ultimi fra i principali paesi nella spesa in Information Technology, penalizzandoci sul piano della competitività”.

“Se ormai è diffusa la convinzione che il Paese ha bisogno di ritrovare in fretta la via della crescita – spiega Angelucci – bisogna essere altrettanto consapevoli che l’accelerazione può avvenire solo dagli investimenti in Information Technology, puntando su progetti mirati all’efficienza e allo sviluppo delle capacità di business delle imprese. Molte aziende del Made in Italy lo hanno capito. Assinform sta cercando di fare la sua parte per sostenere l’innovazione. Da un lato lavoriamo per la qualificazione e lo sviluppo dell’offerta promuovendo la capitalizzazione delle imprese IT, dall’altro, grazie al recente accordo con Banca Intesa e Mediocredito Italiano, che ha portato alla disponibilità di un plafond da un miliardo di euro, vengono sostenute le aziende manifatturiere e dei servizi che vogliono investire in nuovi progetti IT”.

“Gli investimenti informatici sono cruciali anche per lo Stato perciò chiediamo al Governo e al Parlamento di adottare anche per la PA la logica dei cosiddetti tagli intelligenti sulle spese improduttive. In un periodo così drammatico sul fronte dei conti pubblici, appare miope continuare a tagliare indistintamente la spesa in IT, quando si tratta di un investimento indispensabile proprio per tenere sotto controllo la stessa spesa pubblica, migliorare l’efficacia della PA e sviluppare i nuovi servizi digitali per imprese e cittadini – conclude -. Né lo Stato può rinunciare al ruolo di fattore di stimolo della crescita, che oggi significa mettere al centro della politica economica il sostegno all’innovazione. Su questo fronte è fondamentale poter contare su tempi rapidi e impegni certi per programmi come Industria 2015 per l’IT, come i progetti per l’e-government e per l’ infrastrutturazione digitale del Paese”.

24 Maggio 2010