Red Hat, con Teiid si integrano i dati open source

OPEN SOURCE

Red Hat, Inc., leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, annuncia il lancio ufficiale del progetto Teiid di virtualizzazione dei dati portato avanti dalla comunità JBoss.org. Si tratta della prima iniziativa comunitaria open source volta a offrire Enterprise Information Integration (EII) con la virtualizzazione di dati XML e relazionali.

Il progetto Teiid va ad affiancare altre iniziative di virtualizzazione open source sponsorizzate da Red Hat, tra cui oVirt.org, a conferma dell’impegno dell’azienda nella fornitura di una vasta gamma di funzionalità di virtualizzazione.

“Quando Red Hat ha acquisito MetaMatrix nell’aprile 2007, ci siamo impegnati a rilasciare la tecnologia data service nella comunità open source e Teiid è il risultato di tale promessa”, commenta Craig Muzilla, vice president Red Hat middleware business. “La domanda di applicazioni e servizi che si avvalgono dei data store di organizzazioni tradizionali è infinita. Oggi tuttavia, le aziende possono scegliere tra servizi dati proprietari e costosi e una piattaforma open source enterprise-class a una frazione del costo”.

La maggior parte delle tecnologie di integrazione dati open source si focalizza sullo spostamento o la copia fisica dei dati sui diversi siti. Teiid non segue questo trend puntando alla virtualizzazione dei dati e permettendo così di accedere ai dati in tempo reale da sorgenti eterogenee senza copiare o spostare alcunché. Le interfacce JDBC (Java Database Connectivity) e Web Service sono progettate per fornire un’integrazione immediata con applicazioni COTS o personalizzate.

Si prevede inoltre che Teiid rappresenti il backbone di future versioni della piattaforma JBoss Enterprise Data Services, disponibile sotto forma di sottoscrizione e che comprende supporto 24x7, patch e aggiornamenti e una policy di manutenzione e software assurance pluriennale da Red Hat.

I membri dell’ecosistema middleware open source avranno diverse possibilità per trarre vantaggio dal lancio di Teiid.
Con Teiid gli sviluppatori disporranno di uno strumento potente grazie alla sua facilità di integrazione con altri sistemi e il supporto degli standard. Le funzionalità di data federation potranno essere integrate nelle applicazioni senza richiedere l’implementazione di un secondo ambiente server runtime. Estensibilità e personalizzazione la fanno da padroni: dalle estensioni per il linguaggio SQL, alla gestione attraverso script, fino a un connettore API per comunicare con le sorgenti di dati non accessibili tramite il set di connettori standard.

ISV e system integrator spesso si trovano a dover affrontare problematiche legate all’integrazione di dati presenti su molteplici e diversi silos. Teiid ha l’obiettivo di semplificare questa attività sia per consolidare e uniformare i dati e renderli disponibili all’applicazione dell’ISV, sia per velocizzare il lavoro del system integrator nella fornitura di soluzioni in grado di sfruttare i diversi data asset del cliente.

Enterprise architect potranno accedere al cuore della piattaforma JBoss Data Services (oggi MetaMatrix) con il lancio di Teiid. La potenza della virtualizzazione dei dati può aiutare a risolvere problemi legati all’accesso a sorgenti dati eterogenee per applicazioni operative e di business intelligence, correlare sorgenti dati on-premise e cloud-based, migrazione e modernizzazione di applicazioni , così come federazione tattica di dati per progetti grandi e piccoli.

14 Aprile 2009