World Cup, fischio d'inizio. Sarà il primo Mondiale all digital

HI-TECH

Oggi via al campionato di calcio più tecnologico della storia. Partite in 3D, dirette in streaming, apps per iPhone e stadi visibili online con lo StreetView di Google. E poi un fiume di gadget: pendrive con i calciatori, televisori a forma di pallone, navigatori con tv digitale embedded...

di Marino Petrelli
Scattano oggi i Mondiali di calcio a Johannesburg. Digitalmente parlando, ce n'è per tutti i gusti: 3D, Hd, web, streaming, Dtt e satellite. Ma anche palloni di gioco ultratecnologi, gadget high tech, applicazioni dedicate per netbook, tablet e smartphone. Fino ad una toilette completamente tecnologica, come quella richiesta da Diego Armando Maradona, allenatore dell'Argentina, che ha preteso che la tavoletta sia riscaldata da un flusso di aria calda e il bidet abbia un sistema elettronico per regolare getti di acqua a tre diverse velocità.

Stranezze a parte, il Mondiale di calcio è un business da oltre 4 miliardi di euro, con i ricavi commerciali che pesano per 2,3 miliardi di euro e i diritti tv per 1,7 miliardi. Sponsor come Hyundai, Emirates, Coca-Cola, Sony, Budweiser e McDonald’s hanno investito tra i 100 e i 150 milioni di euro a testa. A questi si aggiungono la compagnia di telecomunicazioni Mtn e un gruppo di partner nazionali (Fnb, Telkom, Aggreko, Prasa, Neoafrica e Ultimate), con budget non inferiori ai 30-50 milioni di euro.

Dal punto di vista televisivo, sarà innanzitutto l'era del calcio in 3D. Grazie ad un accordo siglato tra la Sony e la Fifa, la federazione mondiale calcistica, 25 partite si potranno vedere in tecnologia tridimensionale, dalla partita inaugurale Sudafrica - Messico all'attesissima finale dell'11 luglio. Per molti, ma non per tutti. In Italia, ad esempio, non ci sono canali dedicati e ci si dovrà recare nei cinema attrezzati, esttamente come avvenuto in occasione della finale di Coppa Italia tra Roma e Inter lo scorso 5 maggio. Una tecnologia, dicono gli analisti, che sarà matura non prima del 2012. Nel frattempo, ci si può affidare a Sky e Rai, che hanno prodotto uno sforzo notevole per la trasmissione delle partite. La tv di Murdoch mette in campo otto canali dedicati, anche in HD, e un mosaico interattivo che darà la possibilità di personalizzare ulteriormente la visione: saranno a disposizione degli abbonati ''Azzurri24'', il canale interamente dedicato alla nazionale italiana, e il canale ''Highlights24'', che proporra' tutto il meglio dei Mondiali e una raccolta dei gol del torneo aggiornati costantemente.

Mondiali multitasking invece per la Rai, con un’offerta editoriale e tecnologica senza precedenti predisposta da RaiSport e da RaiNet. Per oltre un mese il portale www.mondiali.rai.it sarà disponibile per le dirette, l’on demand e le news in tempo reale anche su iPad, grazie a un’applicazione gratuita realizzata per l’occasione. Sul sito dedicato, le 25 partite in diretta streaming in alta definizione, saranno offerte in esclusiva con la funzionalità “highlights”. Inoltre, chiunque installi l’applicazione gratuita RaiMondiali, sviluppata da RaiNet e Neos-mobc3, con iPad potrà fruire dell’applicazione ottimizzata per il nuovo dispositivo lanciato pochi giorni fa sul mercato da Apple. Si potrà vedere la diretta e il video on demand delle 25 partite più importanti del mondiale, comprese quelle degli azzurri, accedere a news in tempo reale su tutto quello che avviene, classifiche e curiosità.

Si sono adeguati anche molti operatori telefonici offrendo promozioni dedicate ma anche alcuni produttori di software per cellulari non si sono lasciati sfuggire l’occasione. Dopo alcune App per iPhone, anche il suo rivale Blackberry ha messo a disposizione sul proprio store alcune applicazioni che offrono la possibilità di avere in tempo reale i risultati di tutte le partite, essere informati sulle notizie più calde della giornata e addirittura alcune offrono la possibilità di sfogliare gallerie fotografiche con le foto più belle della manifestazione.

Non poteva mancare Google, che personalizza la propria home page con temi dedicati all’evento. E non solo. "Big G" ha digitalizzato su Street View le città con gli stadi in cui si svolgeranno i principali incontri del Campionato del mondo. Per ognuno dei campi, le fotocamere del motore di ricerca hanno ripreso anche la visuale completa a 360° dal punto di vista del terreno di gioco, offrendo così il colpo d'occhio degli spalti. Tutto rigorosamente in 3D.

Può bastare? Non ancora. Divertiamoci con qualche gadget. Puma, ad esempio, celebra i Mondiali con "Puma Phone", una sfida raccolta da Sagem Wireless che in partnership con il brand sportlifestyle ha sviluppato un prezioso cellulare per tutti i football fans: grazie ad una speciale applicazione, permette di essere sempre aggiornati su risultati e news della squadra preferita durante la competezione in Sud Africa. E poi una pen drive usb da 4 GB realizzata da Emtec, che si può usare come portachiavi o appendere alla cerniera della borsa, raffigurante i calciatori delle principali nazionali impegnate.La Hannspree ha realizzato un televisore a forma di pallone da calcio da 28 pollici Lcd con schermo Full HD con speaker integrati. Mio Technology ha lanciato un navigatore satellitare con televisore digitale terrestre, con display da 7 pollici touchscreen e lettore mp3 con le musiche del paese africano già scaricate in regalo. Chi entro il 30 luglio acquisterà questo gps, potrà vincere due biglietti per una partita di un campionato europeo per la prossima stagione, comprensivi di biglietto andata e ritorno con l’aereo nella città in cui si terrà la sfida.

High tech, nemmeno a dirlo, anche il pallone che sarà utilizzato durante le partite. Il disegno ricorda lo stadio in cui verrà disputata la finale, è realizzato con 11 colori ed è composto da solo 8 pannelli termosaldati e precedentemente modellati in forma sferica e tridimensionale. Viene garantito un livello di equilibrio e stabilità eccezionale che permetteranno di migliorare la precisione nei tiri e un controllo perfetto in tutte le condizioni di gioco. Il nome scelto dall'Adidas (che ne è produttrice) è "Jabulani", un termine della popolazione zulu che significa "festeggiare". Che sia ben augurante per l'Italia!

11 Giugno 2010