Poste Italiane, maxi gara in India per la fornitura di carte prepagate

FINANCE

La società, in partnership con Hsbc, nella short list del governo indiano per dotare le Poste locali di un servizio di PostePay

Poste Italiane sbarca in India. La società e il suo partner Hsbc sono nella short list, assieme ad altre quattro società finanziarie, per fornire alle Poste Indiane il servizio di carte prepagate. Lo rende noto Poste italiane in un comunicato dove spiega che "chi vincerà la gara internazionale bandita dal Dipartimento delle Poste indiane sarà il partner che consentirà alle Poste indiane di emettere carte prepagate, sul modello Postepay di Poste Italiane".

Poste Italiane e Hsbc ''hanno presentato un'offerta congiunta alla gara bandita dal Governo indiano che, per scegliere il vincitore, avvierà ora una due diligence di carattere tecnico''.
''L'India - spiega l'Ad di Poste Italiane, Massimo Sarmi - ha un miliardo e 150 milioni di abitanti e nel 2009, nonostante la crisi globale, ha fatto segnare un Pil in crescita del 7,5%. Bastano queste cifre per comprendere l'importanza del business delle carte prepagate''. Le Poste indiane hanno una rete di 155 mila uffici postali, soprattutto nelle aree rurali, 520 mila dipendenti, 206 milioni di conti correnti postali e 28 milioni di polizze assicurative sottoscritte dai risparmiatori.

18 Giugno 2010