Yahoo! ancora debole negli States. L'online advertising marcia al ralenti

ANALISI

Si stabilizzano i mercati europeo e asiatico, mentre persistono le difficoltà in Nord America. Gli analisti: "Potrebbero volerci dai tre ai sei mesi per una piena ripresa delle attività"

di Patrizia Licata
Yahoo è ancora alle prese con un business che marcia a rilento e gli affari, almeno in Nord America, non decolleranno per almeno tre, se non sei mesi. Secondo il report pubblicato dall’analista Yun Kim di Gleacher & Co., il colosso hitech probabilmente registrerà, nel trimestre chiuso a settembre, un calo delle vendite nella pubbicità online in Nord America. Si tratterebbe dell’ottavo trimestre consecutivo di declino.

Yun Kim scrive per i suoi clienti che, anche se Yahoo ha probabilmente beneficiato della stabilità dei mercati europeo e asatico nel trimestre in questione, “potrebbero volerci altri tre-sei mesi per una piena ripresa nelle attività in Nord America”.

L’azienda californiana, secondo l’analista, ha ancora problemi di esecuzione operativa in America ed è stata rallentata tra l’altro dai recenti avvicendamenti ai vertici: hanno infatti da poco lasciato
 Yahoo l’executive vice president della regione americana, Hilary Schneider, e altri due top manager.

Il report della Gleacher & Co. rappresenta una previsione sui dati ufficiali sull’andamento del terzo trimestre 2010 che l’azienda di Sunnyvale dovrà presentare il 19 ottobre: occorrerà aspettare quella data, dunque, per una conferma, o smentita, delle analisi.

11 Ottobre 2010