Intel, fatturato record: +18% negli ultimi tre mesi

RISULTATI FINANZIARI

Il terzo quarter chiude con un giro d'affari pari a 11,1 miliardi di dollari. Otellini: "Risultati trainati dalla crescente domanda aziendale e dallo sviluppo dei mercati emergenti". Per il quarto trimestre attesa un'ulteriore ascesa

di Mario Sette
"Record assoluto a livello di fatturato e risultato operativo”. Con queste parole il numero uno di Intel Paul Otellini commenta i risultati del terzo trimestre fiscale che per la prima volta ha superato gli 11 miliardi di dollari - attestandosi a 11,1 miliardi - registrando un'impennata del 18%. A quota 4,1 miliardi di dollari il risultato operativo: e gli utili netti ammontano a 3 miliardi.

"Questi risultati - spiega il presidente e ceo Otellini - sono stati raggiunti grazie alla forte domanda da parte di clienti aziendali, alle vendite dei nostri prodotti leader nel mercato e alla continua crescita nei mercati emergenti. Guardando al futuro, continuiamo a prevedere una solida domanda globale di prodotti per il computing di tutti i tipi, e in particolare siamo entusiasti della prossima generazione dei nostri processori, nome in codice Sandy Bridge, e dei numerosi nuovi progetti basati sui nostri processori Intel Atom in molteplici dispositivi che vanno dai prodotti della nuova Google TV a una vasta gamma di tablet basati sui sistemi operativi Windows, Android e MeeGo".

L'Italia è fra i Paesi in cui la domanda sta crescendo: “Negli ultimi mesi abbiamo registrato una buona domanda sul fronte aziendale, trainata da esigenze di risparmio e di sicurezza - sottolinea  Dario Bucci, Country Manager Intel Italia e Svizzera -. A titolo esemplificativo, posso citare l’esperienza vissuta con Unipol Gruppo Finanziario, che ha introdotto i nuovi processori Intel Xeon 7500 migliorando l’efficienza, la flessibilità e la sostenibilità ambientale dell’intera infrastruttura IT, ottenendo al tempo stesso benefici tangibili per gli utilizzatori finali". Bucci aggiunge che "gli ottimi risultati del trimestre confermano la forza del nostro portafoglio prodotti, che stiamo rinnovando a ritmi serratissimi per stare al passo con le richieste di un mercato sempre più mobile e diversificato”.

In dattaglio hanno chiuso al +3% le vendite sia del PC Client Group, con un fatturato record di microprocessori per il comparto mobile, sia del Data Center Group con crescita eccezionale dei microprocessori per server. In calo, del 4% rispetto al trimestre prevedente, il fatturato dei microprocessori Atom e dei relativi chipset.

Riguardo alle previsioni per il quarto trimestre la chiusura dovrebbe attestarsi a 11,4 miliardi.

13 Ottobre 2010