Via a Smau 2010, la fiera della "crescita"

47MA EDIZIONE

Alla 47ma edizione il 30% di presenze aziendali in più rispetto allo scorso anno. L'Ad Macola: "Chi investe in tecnologia vince sul mercato"

di F.M.
Si è aperta all'insegna della crescita, quella dei numeri in termini di aziende presenti (+30%) e spazi espositivi (+35%), l'edizione 2010 di Smau. La 47esima Esposizione Internazionale di Information & Communication Tecnology - in corso fino a venerdì 22 ottobre - è stata inagurata con la premiazione dei vincitori del "Premio innovazione Ict" che ha visto la consegna di 19 riconoscimenti su oltre 200 casi di successo selezionati.

"Quest'anno - ha dichiarato l'ad Smau, Pierantonio Macola - Smau ha deciso di fare del 'Premio innovazione Ict' il cuore del suo evento inaugurale: in questo modo i riflettori si accendono sui veri protagonisti dell'innovazione, ovvero su quelle aziende dei piu' svariati settori e quelle pubblice amministrazioni di tutta Italia che grazie ad investimenti in progetti tecnologici hanno vinto la loro sfida con il mercato".

Sull'importanza dell'Ict si è speso il governatore della Regione Lombardia Roberto Formigoni: "E' il settore che rappresenta la chiave di volta per il futuro di tutti noi", ha detto Formigoni ricordando le iniziative regionali come "la messa a disposizione di specifiche risorse a favore dell'innovazione nel settore dell'industria (36 milioni di euro per i metadistretti ) e dell'artigianato (oltre 7 mln)". Che l'innovazione sia uno strumento anti-crisi è dimostrato anche dai risultati dello studio dell’Osservatorio Smau - School of Management, Politecnico di Milano, che ha analizzato le performance degli ultimi 5 anni delle oltre 100 piccole e medie aziende finaliste al Premio Innovazione Ict. Queste realtà imprenditoriali sono cresciute sia a livello di fatturato che di marginalità: per il 40% delle imprese analizzate, i ricavi sono aumentati di oltre 10% in media all’anno. Per una impresa su quattro, inoltre, il fatturato ha registrato un incremento di oltre il 20% in media all’anno. Per quanto riguarda la marginalità, invece, l’analisi rileva che circa il 50% delle imprese ha aumentato l’Ebitda di oltre il 10% all’anno e che, per una impresa su tre, l’Ebitda è cresciuto di oltre il 20% all’anno negli ultimi 5 anni.

“Si tratta di imprese, prevalentemente di piccole e medie dimensioni – spiega Andrea Rangone, responsabile degli Osservatori Politecnico di Milano Rangone - che hanno saputo innovare il proprio business attraverso le tecnologie digitali, sviluppando progetti Ict particolarmente significativi. I dati dimostrano chiaramente come tali imprese, hanno saputo reagire bene alla crisi”.

20 Ottobre 2010