Sap punta sulle Pmi con un'offerta "tripartita"

BUSINESS

Applicazioni on demand, on premise e on device per consentire anche alle aziende di piccole dimensioni di rispondere al meglio alle nuove sfide di business. Fruzione anche attraverso iPhone e iPad. Covini: "Sarà più facile e veloce prendere decisioni strategiche"

di Federica Meta
Una nuova strategia che fa leva su applicazioni on-premise, on-demand e on-device, per consentire alle aziende di rispondere al meglio alle sfide di business attuali e competere con successo sul mercato. È quella che Sap ha presentato a Smau, focalizzando l'attenzione su Sistemi Gestionali, Crm e Business Intelligence e sulle possibilità di fruizione attraverso dispositivi mobili come iPhone e iPad.

Sul fronte dell’on premise, ovvero delle classiche applicazioni installate sui sistemi proprietari delle aziende, Sap continua a sviluppare tutte le proprie soluzioni ponendo particolare attenzione alla fruibilità e semplicità d’uso dell’interfaccia utente grazie alla continua evoluzione della piattaforma Sap NetWeaver. Uno sviluppo in questo senso è rappresentato da Sap NetWeaver Business Client, un unico punto di ingresso alle applicazioni Sap e non, con una struttura dinamica basata su ruoli che consente di affiancare contenuti aziendali a contenuti esterni provenienti, ad esempio, dalla rete o da altre applicazioni. Fruibile sia in modalità on premise che on device, è invece la soluzione che consente agli utenti di analizzare rapidamente quantità enormi di dati e di disporre di una panoramica chiara su tutte le attività aziendali: Sap BusinessObjects Explorer. Grazie a un’interfaccia intuitiva e a una modalità di esplorazione dei dati simile a quella dei più comuni motori di ricerca, qualsiasi utente può disporre della chiarezza e dell’approfondimento necessari per agire tempestivamente e prendere decisioni operative più consapevoli ed efficaci.

Per quanto riguarda l’on demand, questo si si sviluppa in due direzioni: applicazioni specifiche e complementari a quelle on premise o nuove applicazioni completamente on demand. Una soluzione chiave in quest’ambito è Sap BusinessObjects BI OnDemand, che risponde alla crescente domanda di intuitivi strumenti di Business Intelligence in modalità Software-as-a-Service da parte delle aziende di ogni dimensione e che si rivolge in particolare ad utenti occasionali in virtù della semplicità d’uso. Altra applicazione on demand, fondamentale in una logica di collaborazione, è Sap StreamWork, che integra informazioni, metodologie e persone, non solo colleghi ma anche partner, clienti e fornitori, supportando un lavoro agile ed efficiente e impattando notevolmente sulla produttività del team ai fini del raggiungimento dei risultati desiderati.

Ulteriore elemento chiave della nuova strategia è l’on device, che consente agli utenti di interagire con i sistemi aziendali in mobilità sfruttando qualsiasi piattaforma e dispositivo, dai Blackberry agli iPad. La logica di fondo è la complementarietà rispetto alle applicazioni tradizionali, grazie a cui è per esempio possibile essere informati e approvare un workflow senza essere fisicamente in ufficio, velocizzando i tempi dei processi. Un’applicazione strategica in questo senso è Sybase Mobile Sales for Sap Crm, con cui sono sempre disponibili informazioni aggiornate sui clienti, sullo stato degli ordini e sui dati di vendita. Anche Erp e Business Intelligence sono fruibili attraverso dispositivi mobili. Sap Business One on iPhone, consente per esempio alle aziende di accedere in modo intuitivo alle informazioni commerciali critiche in tempo reale, in maniera integrata con i processi end-to-end dei clienti. Le applicazioni di Sap Business One per iPhone sono disponibili gratuitamente. Anche Sap BusinessObjects Explorer è fruibile attraverso iPad e iPhone, permettendo di avere accessibilità a dati aziendali complessi in qualsiasi momento per poter prendere decisioni ragionate e tempestive.

“Con quest’offerta applicativa, la nuova strategia di Sap consente agli utenti di business di operare ovunque, in qualunque momento e con il dispositivo più congeniale, ottimizzando la fruibilità del patrimonio informativo aziendale e consentendo di prendere decisioni strategiche in tempi rapidi e con la massima efficacia - spiega Clara Covini, direttore Pmi di Sap Italia -. La flessibilità di queste soluzioni e la complementarietà delle applicazioni on demand e on device rispetto a quelle on premise, permettono di calibrare gli investimenti iniziali in funzione delle effettive necessità di business delle aziende e le rendono quindi ideali anche per le imprese di piccole e medie dimensioni. La possibilità di accedere a queste soluzioni in modalità on demand, riducendo i costi legati a hardware e licenze, colma inoltre il gap tra applicazioni tipiche dalle grandi aziende e soluzioni per le piccole e medie imprese e offre quindi a queste ultime un valido supporto ai fini delle crescita e della competitività in un orizzonte di lungo termine”.

21 Ottobre 2010