Twitter snobba Google e Facebook: "Non vendiamo"

SOCIAL NETWORK

Le due società interessate a rilevare il social network il cui valore è stimato fra gli 8 e i 10 miliardi di dollari. Ma i fondatori mirano molto più in alto: "L'azienda può raggiungere i 100 miliardi"

di Mila Fiordalisi
Potrebbe finire nelle mani di Google o Facebook il social network Twitter. A riferirlo è il Wall Street Journal secondo cui negli ultimi mesi si sarebbero tenuti alcuni incontri preliminari fra i vertici delle tre aziende per valutare l'ipotesi di cessione. Incontri che avrebbero riguardato anche altre società, di cui però non si cita l'identità.

Per il momento non ci sono conferme circa la vendita del social network. Anzi, secondo quanto riferisce il Wsj "i colloqui non sono approdati a nulla". E a quanto pare il social network non sarebbe disposto a vendere. Ma le valutazioni circolate sul valore della società - fra gli 8 e i 10 miliardi di dollari - sarebbero dovute proprio all'ipotesi di cessione. Una cifra superiore ai 3,7 miliardi stimati a dicembre ma decisamente inferiore rispetto alle ambizioni dei vertici di Twitter secondo i quali l'azienda potrebbe raggiungere un valore di 100 miliardi di dollari. Ieri intanto il fondo americano Andreessen Horowitz ha investito 80 milioni di dollari nella società, che si aggiungono ai 200 milioni "iniettati" nel capitale da parte di un altro venture capital.

Secondo le stime di eMarketer gli introiti di Twitter per le attività legate all'advertising ammonterebbero a 45 milioni di dollari nel 2010 e quest'anno si salirebbe a 150 milioni. Google e Facebook da parte loro hanno registrato un fatturato pari rispettivamente a 29 e 1,9 miliardi di dollari.

10 Febbraio 2011