Obama nella Silicon Valley, anche Steve Jobs a cena con il presidente

AGENDA DIGITALE USA

Nonostante i dubbi della vigilia per le sue condizioni di salute, il fondatore di Apple non diserta l'appuntamento con il presidente. Al tavolo con le star dell'IT le politiche di innovazione del Paese

di P.A.
C'era anche Steve Jobs all'incontro con il presidente Obama, che si è tenuto ieri nella Silicon Valley al tavolo allargato con le aziende di punta del settore IT, voluto dal presidente americano per concordare politiche di innovazione negli Usa. Un incontro, quello fra Jobs e Obama, fortemente in dubbio alla vigilia a causa delle precarie condizioni di salute del numero uno della mela, che secondo i tabloid americane avrebbe soltanto sei settimane di vita.

Coinvolgere le grandi aziende protagoniste del mercato del web a dare il loro contributo allo sforzo che la Casa Bianca sta facendo sul fronte dell'innovazione, per la crescita dell'economia americana e la creazione di nuovi posti di lavoro. È questo l'obiettivo di Barack Obama che è volato a San Francisco, presso la Silicon Valley, per cenare con il 'padre padronè di Apple, Steve Jobs, il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, l'amministratore delegato di Google, Eric Schmidt, il presidente di Twitter, Dick Costello, il capo di Yahoo! Carol Bartz e altri vertici dell'industria legata al web.

L'incontro è conseguente agli impegni assunti dal presidente nel suo ultimo Discorso sull'Unione, quando davanti al Congresso ha annunciato ufficialmente nuovi investimenti a favore della ricerca, della formazione tecnologica e della banda larga accessibile a tutti gli americani.

18 Febbraio 2011