Nuova tempesta sul board Hp. L'advisor bacchetta Apotheker

LE NOMINE NEL BOARD

Dopo le polemiche su Mark Hurd, il nuovo Ceo nel mirino della società di consulenza nominata dagli azionisti: irregolare il ruolo sostenuto nella nomina dei 5 componenti del consiglio direttivo. Richiesta la bocciatura della proposta di compenso annuale (47 milioni di dollari)

di Patrizia Licata
Torna l’ombra delle irregolarità sul board di Hewlett-Packard. Secondo un’analisi effettuata da una società di consulenza nominata dagli azionisti, il Ceo Leo Apotheker e tre consiglieri del cda avrebbero violato le regole aziendali quando hanno nominato i nuovi membri del consiglio d’amministrazione.

La Institutional Shareholder Services sostiene infatti che la partecipazione del Ceo Apotheker alla nomina di cinque nuovi consiglieri il 20 gennaio scorso abbia minato l'indipendenza di tali membri del board e abbia violato le regole di Hp sull'indipendenza dei membri del consiglio direttivo. "La partecipazione diretta di Apotheker alla nomina di cinque nuovi amministratori ci mette in allarme", scrive la Iss nella sua relazione, rivela Bloomberg News. "Permettere al Ceo di influenzare direttamente l'individuazione e la nomina di consiglieri esterni è contrario alle regole della buona condotta aziendale”.

Un portavoce di Hp ha replicato che la raccomandazione della Iss si è basata su "un'interpretazione errata del processo con cui Hp ha individuato, selezionato e nominato i suoi consiglieri". Inoltre, Hp sostiene che non sarebbe nel migliore interesse degli azionisti perdere consiglieri esperti e impegnati nel loro lavoro e che si sono “strettamente attenuti alle regole”.

Il report dell’Iss è solo l'ultima vicenda che mina l’immagine dell’integrità del board di Hp, già colpito da aspre critiche in seguito alle dimissioni dell’ex Ceo Mark Hurd e alla successiva nomina di Leo Apotheker, ex numero uno della concorrente Sap. La Iss raccomanda agli azionisti di votare contro i tre consiglieri coinvolti con Apotheker nelle presunte irregolarità e la cui rielezione è in agenda per la riunione del cda di Hp del 23 marzo. Inoltre, la Iss chiede agli shareholder di respingere la retribuzione proposta per Apotheker, che ammonta, secondo l'advisor, a 47 milioni di dollari proprio a causa del ruolo svolto nella scelta dei membri del board.

11 Marzo 2011