Reti mobili, arriva Liquid Radio

NOKIA SIEMENS NETWORKS

Una nuova architettura per le reti mobili, lanciata da Nokia Siemens Networks al CTIA Wireless 2011, è in grado di indirizzare la capacità della banda mobile nei punti dove serve di più. Denominato Liquid Radio, questo approccio permette un utilizzo più economico delle risorse di rete grazie alla condivisione e alla ridistribuzione della capacità in base alla domanda degli utenti. Nokia Siemens Networks ha inoltre annunciato che il suo innovativo Flexi Multiradio Antenna System farà parte dell'architettura Liquid Radio. L'azienda prevede di iniziare l'implementazione di questa architettura nel corso del 2011.

"I liquidi non hanno confini, scorrono per riempire ogni apertura o spazio", spiega Thorsten Robrecht, a capo del Product Management di Network Systems di Nokia Siemens Networks. "Allo stesso modo, la nostra architettura Liquid Radio elimina i limiti delle reti mobili a banda larga tradizionali indirizzando il "flusso e il riflusso" del traffico creato dai movimenti degli utenti nella rete".

Al cuore della soluzione Liquid Radio di Nokia Siemens Networks si trova la possibilità di rispondere alla domanda di fluidità delle reti odierne con una tecnica nota come "baseband pooling" (pooling in banda base). Questo approccio centralizza le risorse necessarie per intraprendere le operazioni di elaborazione comuni a ogni base station in una certa zona. Il baseband pooling facilita il conseguimento di una più efficiente e conveniente condivisione delle risorse su una vasta area geografica,.

L'impianto Flexi Multiradio Antenna System di Nokia Siemens Networks si basa sulla tecnologia ad antenna attiva che combina l'antenna e la parte radio in un contenitore funzionale, costruito con amplificatori di potenza dedicati per ogni elemento antenna. L'antenna attiva favorisce il beamforming (letteralmente "formazione del fascio"), concentrandosi su una particolare connessione radio e indirizzandola a uno specifico utente, oltre a permettere la gestione di più tecnologie in un'unica unità. Insieme agli altri livelli di copertura forniti da configurazioni nell'ordine di macro-, pico- e micro-sito, il beamforming permette di indirizzare la capacità esattamente dove è richiesta dall'utente, con un guadagno in capacità del 65%.

Flexi Race rappresenta l'innovazione nella miniaturizzazione. Sarà l'elemento base per la creazione di antenne attive di prossima generazione e per la fabbricazione di micro- e pico-celle dei prodotti del futuro. Grazie alle dimensioni compatte, Flexi Race è dotato delle opzioni di intelligenza e dimensionamento aggiuntive richieste per questo tipo di implementazioni.

Grazie all'esclusiva ampia gamma di prodotti e servizi professionali, Nokia Siemens Networks aiuta gli operatori a creare reti eterogenee unificate. Tale approccio riduce la complessità di gestione e permette la connettività dei diversi livelli della rete in una rete unificata, con un'unica esperienza utente. Tutto questo viene gestito dalle funzionalità SON (Self Organizing Networks,) dell'azienda e dalla sua continua evoluzione a supporto completo di reti cognitive ad apprendimento automatico e adattive.

"Prevediamo che la domanda per la capacità di rete aumenti fino a 1 GB per utente al giorno Fonte: Calcoli interni di Nokia Siemens Networks basati sui recenti sviluppi nelle reti mobili, incluso il maggiore utilizzo di smartphone, tablet e dispositivi simili. ", dichiara Robrecht. "Questo non richiederà solo investimenti considerevoli in termini di reti, ma anche una combinazione unica di base base station per un'ampia copertura di zona completata da Wi-Fi e piccole e compatte micro-, pico- e femto-celle. La soluzione Liquid Radio di Nokia Siemens Networks garantisce che gli investimenti nelle reti esistenti vengano sfruttati appieno e che i futuri investimenti offrano il ritorno necessario per sostenere le pressanti sfide odierne di mantenimento e trasformazione del GSM, evoluzione del 3G e introduzione a LTE e LTE-Advanced".

04 Aprile 2011