Irlanda mecca europea della Silicon Valley

FISCO E HI TECH

E' il regime fiscale favorevole ad attrarre nel Paese gli investimenti da parte delle Internet company americane. Già "migrati" Google, Facebook e Linkedin. Pronta a sbarcare Twitter

di Paolo Anastasio
L’Irlanda continua ad esercitare il suo fascino sulle aziende della Silicon Valley. Negli ultimi giorni, il regime fiscale favorevole alle imprese ha attirato un nuovo ospite a Dublino, si tratta di Marketo, società informatica di spicco della Silicon Valley, che ha deciso di aprire qui la sua sede europea.

Seguendo così l’esempio di altri big dell'hi tech, che da tempo si trovano in Irlanda, da Google a Facebook, passando per Paypal e Linked In. L’ultima star in procinto di approdare in Iralanda è Twitter, anche se per ora non c’è nulla di ufficiale. Lo scrive la Tribune, aggiungendo che, nonostante la crisi, secondo stime dell’Ida, l’Agenzia irlandese per lo sviluppo e gli investimenti, nel 2010 sono state 47 le nuove aziende che hanno investito per la prima volta in Irlanda, in aumento del 20% rispetto al 2009.

Nel complesso, sono stati 126 i nuovi investimenti in Irlanda nel 2010, che hanno prodotto 11mila nuovi posti di lavoro, a fronte dei 4.615 nuovi posti generati nel 2009, 8.837 del 2008 e 9.216 nel 2007. L’80% degli investitori arriva dagli Usa, spinto dai vantaggi di carattere fiscale e dalla lingua.

21 Aprile 2011