In Islanda la nuova costituzione nasce grazie ai social network

INTERNET

Per sondare il giudizio dei cittadini la commissione, che sta lavorando alla riscrittura della carta, condivide ogni norma su Facebook e Youtube

di F.Me.
La nuova costituzione dell'Islanda, la piccola isola dei ghiacci travolta dalla Grande Crisi, sta nascendo grazie a Internet e ai social network. Il lavoro della commissione costituzionale viene infatti condiviso quasi in tempo reale attraverso Facebook e YouTube così che ogni articolo della bozza possa ricevere input e correzioni dal popolo della Rete. Che in un Paese di 320mila persone dove due terzi degli abitanti possiede un profilo su Facebook equivale più o meno al popolo tutto.

“Credo che questa sia la prima volta che una costituzione viene stilata praticamente attraverso Internet - spiega al Guardian Thorvaldur Gylfason, membro della commissione costituzionale - L'opinione pubblica può così assistere alla nascita del nuovo documento. E' un procedimento molto diverso rispetto ai vecchi tempi, quando i padri costituenti preferivano rinchiudersi in un luogo fuori mano, privo d'influssi esterni”.
La riforma si è imposta in seguito alla Grande Crisi, che sotto i suoi colpi ha spazzato via l'infrastruttura finanziaria della nazione - spingendola di fatto alla bancarotta - e di conseguenza l'intero governo.

10 Giugno 2011