Canali digitali e modello pay: la Tv tiene testa ai new media

ITMEDIA CONSULTING

ItMedia Consulting: nonostante l'avvento delle trasmissioni su pc e device mobili il successo del piccolo schermo resta indiscusso in tutta Europa: in aumento le ore di visione da parte del pubblico grazie ai nuovi canali digitali, all'Iptv e alle offerte premium

di Patrizia Licata
L’evoluzione del modello broadcast verso un futuro broadband-and-mobile sempre connesso non intacca il successo della tv, perché se il contenuto è ovunque e Internet è la piattaforma che può offrire la scelta più ampia, il televisore resta la piattaforma preferita per guardare i programmi, che siano on-demand, imposti dal vecchio palinsesto generalista, o, sempre più spesso, offerti dalla pay-tv. Per questo il nuovo rapporto di ItMedia Consulting, “Turning digital: Tv reloaded?” realizzato nei 15 Paesi Ue più Norvegia e Svizzera, suggerisce una possibile corsa dell’industria verso piattaforme e servizi di connected-tv: il televisore resta la base su cui lavorare.

Non va trascurato un elemento che determina il primato della tv: l’invecchiamento della popolazione. Chi ha 50-60 anni è fedele al piccolo schermo e conta anche di più per il modello di business perché questa fascia demografica ha il massimo potere d’acquisto. I giovani da parte loro non guardano meno televisione, ma lo fanno su una molteplicità di schermi.

Le ore passate davanti alla tv sono in aumento in tutta Europa. Dal 2009 al 2010, in Uk le ore trascorse di fronte al piccolo schermo sono cresciute dell’8%, in Germania del 5%, in Italia del 3,4%; tuttavia noi siamo il Paese dove si guarda più tv in assoluto (246 minuti al giorno, contro 243 minuti in Uk, 234 in Spagna, 223 in Germania), anche perché la penetrazione dei Pc è tra le più basse in Ue. Cifre alla mano, da noi il televisore si trova in quasi tutte le case, al contrario del computer, presente circa nel 60% delle famiglie (solo Grecia e Portogallo fanno peggio di noi; Norvegia, Svezia e Germania hanno penetrazioni dei Pc tra l’80 e il 90%). L’ascolto medio europeo è cresciuto del 2,7%.

Come si spiega questo rinnovato amore per la tv? Gli ascolti sono trainati dai nuovi canali digitali, quelli tematici, ai quali va aggiunta l’IpTv, ovvero tutti i contenuti che arrivano sullo schermo tv grazie alle connessioni Internet a banda larga e che hanno riportato gli spettatori alla tv. E’ l’effetto del switch-off, insomma, che si evidenzia al massimo grado in Gran Bretagna, ma anche in Spagna, dove il passaggio al digitale è completo.

Così in Uk i nuovi canali digitali hanno già il 43% di share, contro il 20% dell’Italia (ma con un tasso di crescita dell’8%). Chi torna a guardare la tv lo fa attratto dai nuovi contenuti e dalla maggior disponibilità di scelta offerta dai canali digitali. E anche dalla pay-tv.

A scomporre nei suoi elementi l’inossidabile successo della tv, si scopre che ci sono settori al tramonto accanto ad altri in piena crescita. Il modello generalista interessa sempre meno: ora a tirare il business in Europa è la pay-tv. Se nel 2010 il settore nel compesso è cresciuto del 5,6%, più del triplo dell'incremento del Pil europeo, la fetta più grande della torta è ormai rappresentata dalla tv a pagamento (43%), seguita dalla pubblicità (35%). Ma mentre i ricavi della pubblicità conoscono una ripresa a singhiozzo, a livello Ue, rispetto al 2009, quelli della pay-tv crescono di un solido +10%, segno che la tv, forse, è sempre meno dei pubblicitari e sempre più degli spettatori. Che, nonostante il ristagno dei consumi privati, hanno immesso nel sistema l’anno scorso risorse pari a 40 miliardi di euro.

13 Giugno 2011