Nieri (Mediaset): 'Nessun nuovo limite alla capacità trasmissiva'

TV

“Vanno riviste le regole sul pluralismo tv e non vanno posti ulteriori limiti alla capacità trasmissiva di ciascun soggetto”. Questa è la posizione di Mediaset, riassunta dal consigliere di amministrazione Gina Nieri, che è intervenuta in occasione della presentazione del rapporto It-Media Consulating sul mercato televisivo.

Nieri sottolinea che “nell’era di Internet, il pluralismo va ripensato”, e aggiunge “non possiamo rimanere, noi della tv classica, gli unici sottoposti a una regolamentazione e a vincoli molto stringenti”. Secondo il giudizio del consigliere Mediaset, “porre nuovi limiti alla capacità trasmissiva di ciascun soggetto è pericoloso, perché sarebbe una violazione della neutralità tecnologica”.

Riguardo ai nuovi canali che si libereranno con il passaggio definitivo al digitale terrestre e presto messi a gara, Nieri si è domandato “A chi andranno i tre canali riservati ai nuovi entrati? Anche a operatori stranieri? – e conclude - Le frequenze sono sempre soggette a grandissimi appetiti e c’è una pressione fortissima in Europa per individuare un dividendo digitale anche per gli operatori di telecomunicazioni. Ma la tv terrestre ha tutto il diritto a utilizzare appieno la tecnologia del futuro, a partire dall’alta definizione che richiede un grandissimo impegno in termini di frequenze. Va mantenuta la leadership della presenza del mezzo tv sullo specchio elettromagnetico”.

26 Giugno 2009