Spider Man, fratello di Topolino A sorpresa Disney compra Marvel

Cinema digitale

Il mondo dei media torna a muoversi. Ora toccherà alla Dreamworks a essere acquisita?

Mossa a sorpresa per la Disney che acquisisce per 4 miliardi di dollari la Marvel Entertainment. Un'operazione che ridisegna l'architettura di Hollywood e accende i riflettori sulla nuova aggressività nel mondo dei media stretta nella morsa della crisi e delle difficoltà da affrontare nel passaggio al digitale. La library della compagnia (editore di fumetti e proprietario di studios) si compone di circa 5mila popolari personaggi fra cui i più leggendari supereroi della storia del fumetto. Fra gli altri, Spider Man, X-Men, Iron Man, i Fantastici Quattro. Già ampiamenti sfruttati, d'accordo, ma sui quali il frullatore Disney è pronto a scommettere. Non si tratta soltanto di una micidiale scorta di contenuti per la casa madre di Topolino. Ma di una delle operazioni più colossali dell'industria dell'entertainment e soprattutto di un colossale segnale lanciato a un mercato in crisi e affaticato dal tormentato passaggio al digitale. a l mercato, ancora più vistoso considerati i tempi di crisi. Gli analisti giudicano ottima la mossa di Disney che sa dunque muoversi anche nelle strettoie di una recessione. Era stato lo stesso Bob Iger a orchestrare nel 2008, per 7,4 miliardi, l'acquisizione della Pixar. E intravvedono nell’acquisizione la possibilità di nuove ondate di consolidamento dei media. Non a caso, a seguito dell'annuncio della mega acquisizione da parte della Disney la Dreamworks Animation ha registrato un rialzo del 6%, sulla base di speculazioni che la danno come prossimo bersaglio di acquisizioni. Forse da parte di Time Warner.

01 Settembre 2009