Tv, Roma è digitale. Dgtvi: nodi in via di risoluzione

LO SWITCH OFF

Lo spegnimento del segnale riguarda circa 4,5 milioni di cittadini. Ambrogetti, presidente del consorzio dei broadcaster: i problemi saranno risolti nei prossimi giorni

di Mila Fiordalisi
Luci e ombre per lo switch off laziale. Molte le telefonate al call center del ministero dello Sviluppo Economico. Andrea Ambrogetti presidente Dgtvi tranquillizza: i problemi saranno risolti nel giro di qualche giorno.

Comincia oggi nel Lazio (provincia di Viterbo esclusa) il passaggio definitivo al digitale terrestre. Il calendario prevede, di qui al 30 novembre, lo spegnimento del segnale analogico (lo switch off si concluderà con le Isole Pontine) per circa 4,5 milioni di cittadini, di cui 2,7 milioni nella sola provincia di Roma. E con il passaggio al digitale Roma si aggiudica lo scettro di capitale europea del Dtt.

Per assistere i cittadini laziali, il Dipartimento per le Comunicazioni del ministero dello Sviluppo Economico, ha attivato il numero verde 800.022.000. E tutte le informazioni sono disponibili anche sul sito www.decoder.comunicazioni.it.

Ancora disponibili i contributi all'acquisto del decoder di tipo interattivo, istituiti dal Ministero dello Sviluppo Economico per agevolare la fascia di popolazione economicamente più debole, per età e reddito. Per usufruire del contributo – che consiste in uno sconto di 50 euro per l'acquisto di un decoder di tipo interattivo con bollino Dgtvi - basterà recarsi presso i rivenditori autorizzati.

16 Novembre 2009