L'e-book è già preistoria? Il futuro fa rima con tablet

L'ANALISI

L'attenzione al Ces di Las Vegas è stata tutta per la lavagnetta Hp-Microsoft che per la sua capacità di trasmettere anche musica e video ha oscurato gli e-reader di nuova generazione

di Patrizia Licata
Introdotto solo due anni fa, è già ora di dire addio al lettore elettronico di ebook? Forse. Al Consumer Electronics Show di Las Vegas della scorsa settimana, il Ceo della Microsoft Steve Ballmer ha presentato il nuovo tablet della Hewlett-Packard, una “lavagnetta elettronica” che potrebbe presto sostituire gli e-reader. Il device è progettato per mostrare sia contenuti a stampa che video; inoltre è sempre connesso a Internet. Originariamente la Hp lo aveva pensato per essere un vero e proprio lettore di ebook, ma il colosso dei computer di Palo Alto ha abbandonato l’idea dopo due anni di sviluppo intuendo che un prodotto che supportasse non solo i contenuti stampati avesse un maggiore potenziale.?"I nostri sviluppatori cercavano di pensare con un occhio al futuro”, ha spiegato Phil McKinney, chief technology officer di Hp. "Questo computer-lavagnetta permette una fruizione di diversi media, non solo libri”.

La posizione dell’azienda californiana riflette quella di molti altri produttori di hardware che hanno partecipato al Ces. Anche se gli e-reader hanno ottenuto un certo successo – e Kindle di Amazon lo prova – i produttori di hardware dicono che i lettori dedicati di ebook saranno scalzati dal mercato da un lato dai tablet, dall’altro da smartphone sempre più multi-funzione. Quest’anno sarà “l’inizio della rivoluzione dei tablet”, secondo il Ceo di Nvidia, Jen-Hsun Huang: una volta che questi pc sottili, maneggevoli ed estremamente versatili arriveranno sul mercato, metteranno in crisi e-reader e netbook, i computer ultraportatili usati per principalmente per la navigazione Internet.

Del trend sembra convinta anche Dell che sta progettando un tablet, mentre voci di corridoio dicono che la Microsoft sta lavorando su un device simile ma dual-screen. Ancora più interessante la notizia che la Apple dovrebbe alla fine di gennaio presentare il suo tablet, un prodotto che potrebbe spingere molti potenziali acquirenti di e-reader a optare invece per l’ultimo gioiello tecnologico della Mela. I tablet dovrebbero chiudere il gap tra e-reader e netbook, permettendo non solo la lettura dei libri in formato elettronico, ma anche lo streaming di video e musica. I produttori sono pronti a scommettere che questa più ampia gamma di funzioni spingerà chi è interessato all’acquisto di un e-reader a comprare invece un tablet, nonostante il prezzo necessariamente più alto.

Intanto, anche gli smartphone diventano più “intelligenti”: i nuovi modelli hanno schermi più larghi con immagini più chiare, nonché lo storage e il software necessari per funzionare da lettori di ebook. Certo, non tutti pensano che i lettori come Kindle siano destinati a sparire. Qualcuno crede che siano qui per restare, almeno ancora per qualche anno. Sempre al Ces di Las Vegas, la Plastic Logic ha presentato il suo Que e-reader, da tempo atteso, mentre la Skiff e la Spring Design hanno annunciato che porteranno presto sul mercato i loro nuovi lettori di libri elettronici. La Freescale Semiconductor ha detto che sta creando una linea di chip disegnati specificamente per gli e-reader.??

A frenare gli entusiasti arrivano le ricerche di mercato. Secondo la Forrester nel 2009 sono stati venduti circa 3 milioni di e-reader (due terzi dei quali probabilmente rappresentati da Kindle di Amazon, che però non rende note cifre sul suo prodotto). Ma gli analisti che studiano la Apple suggeriscono che l’azienda di Cupertino potrebbe da sola vendere 10 milioni di tablet nel 2010, se introduce il suo nuovo device tra qualche settimana, come atteso. I numeri parlano da soli.
 

12 Gennaio 2010