Sony taglia 450 posti. Colpa della pirateria

CRISI

I settori colpiti saranno l'home entertainment e l'information technology

di Davide Lombardi
Sony Pictures lascerà a casa 450 impiegati – il 6,5% della forza lavoro – nelle prossime settimane. Gran parte dei licenziamenti sarà notificata entro marzo. L’azienda ha anche annunciato l’intenzione di chiudere 100 posizioni.

A rivelarlo, con un videomessaggio agli impiegati, il Presidente Michael Lynton e la copresidente Amy Pascal. La maggior parte dei tagli investirà l’home entertainment e il gruppo information technology. “Stiamo attraversando un brutto periodo, e i prossimi due mesi metteranno tutti alla prova” hanno detto mr Lynton e Amy Pascal.

Cause principali di questi tagli sono la pirateria online e il calo delle vendite di Dvd, sostiene l’azienda, che già lo scorso anno aveva tagliato 250 posti di lavoro.

02 Febbraio 2010