Le Web-news conquistano gli Usa. Ma vince il mix online-offline

INFORMAZIONE

Internet diventa la terza fonte di news negli Usa (dopo tv locale e tv nazionale) scavalcando giornali e radio. Ma non soppianta gli altri mezzi di informazione: il 59% degli americani usa fonti sia online che offline

di Patrizia Licata
Americani consumatori di news su tutte le piattaforme, sempre più affezionati ai siti di notizie online, cui si accede ormai in molti casi anche dal telefonino. Il trend viene fotografato dall’ultima indagine del Project for excellence in journalism del Pew research center condotta su un campione di 2.259 adulti: la grande maggioranza degli americani, il 92%, non si accontenta di una sola fonte di informazione ma vuole leggere, ascoltare e guardare le notizie su ogni piattaforma disponibile: televisione, radio, giornale, siti Internet.

L’avanzata di Internet non si ferma, ormai terzo mezzo di comunicazione più utilizzato dopo la tv locale e nazionale, al di sopra di giornali e radio; tuttavia, il 59% degli americani non rinuncia alle altre fonti e preferisce informarsi su un mix di piattaforme online e offline. Solo il 7% usa una singola fonte di informazione, per esempio solo Internet o solo la tv locale, per conoscere i fatti del giorno.

A proposito di Internet, lo studio rileva che il 57% degli americani tende ad avere da due a cinque siti web preferiti dove informarsi. Il 61% si collega almeno una volta al giorno per leggere le news e il 71% legge le notizie online almeno occasionalmente. Il 72% del campione dice di volere non solo essere al corrente di ciò che succede nel mondo ma cerca di discutere con gli altri: di qui la grande popolarità del web. Internet, insomma, non è un mezzo di informazione come un altro, ma ha cambiato il modo in cui le persone interagiscono con le notizie.

Lo stesso report della Pew ha scoperto che il 33% degli utenti di telefonia cellulare negli Usa accede alle news dal telefonino e che il 28% degli utenti di Internet ha personalizzato la sua homepage di modo che mostri subito gli argomenti di attualità che interessano. Ancora, il 37% dei cybernauti ha contribuito ai siti di news lasciando dei commenti oppure ha diffuso a sua volta le notizie discutendone nelle e-mail e sui siti sociali come Twitter e Facebook.

Qualche perplessità sorge però quando si tratta di qualità dell’informazione: circa due terzi degli americani (il 63%) pensa che i media facciano un buon lavoro nel coprire ogni argomento, ma il 72% dice anche che la maggior parte delle fonti di informazione è poco obiettiva.

01 Marzo 2010