Lo spariglio di Google. Un search engine anche per la tv

INTEGRAZIONE

Fase beta per il nuovo "motore di ricerca" di programmi tv con cui l'azienda punta alla convergenza tra Internet e broadcasting.  Obiettivo: pubblicità sempre più mirata

di Davide Lombardi
Google sta per lanciare il search engine televisivo. Secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, l’azienda guidata da Eric Schmidt sta testando un servizio di ricerca di programmi televisivi assieme a Dish Tv, secondo operatore televisivo satellitare degli Usa. Google punta ad unire il broadcasting televisivo tradizionale ai nuovi servizi di video online come Youtube.

Il servizio sarà disponibile solo per apparecchi tv dotati di set top box basati sul sistema operativo Android. I set top box si collegano ad Internet per recuperare informazioni sulla programmazione, dati aggiuntivi ed ulteriori dettagli sui programmi. Il servizio permette quindi ai telespettatori di trovare con maggiore facilità il programma che vogliono vedere, di scoprire contenuti disponibili sui siti Internet per guardarli dal proprio televisore, e di creare una sorta di playlist, una personalizzazione della programmazione televisiva. Sia Google che Dish Tv hanno declinato ogni commento. Ma pare che Google stia contrattando anche con altri fornitori di servizi televisivi per allargare il business.

Un progetto ambizioso, che Google cercherà di sfruttare anche dal punto di vista pubblicitario, secondo il Wall Street Journal. Si potrà infatti basare sui criteri di ricerca e sulle preferenze degli utenti per offrire spot più mirati e personalizzati.

 

09 Marzo 2010