Professionalità a rischio. L'allarme di Cinecittà Luce

AUDIOVISIVO

Nessun piano di sviluppo e incertezza sulle risorse. I lavoratori di Cinecittà Luce chiedono un incontro con i vertici aziendali a un anno dalla fusione tra Cinecittà Holding, Fimitalia e Istituto Luce

L'assemblea generale dei lavoratori di Cinecittà Luce, riunita il giorno 18 marzo, ha manifestato la forte preoccupazione, a quasi un anno dalla conclusione del processo di fusione per incorporazione tra Cinecittà Holding, Fimitalia e Istituto Luce, per la mancanza di un piano di sviluppo aziendale e per l'incertezza delle risorse economiche.

Lo rende noto in un comunicato sindacale che sottolinea come “la ricchezza delle attività sviluppate dalle singole aziende durante la loro vita deve trovare il giusto rilancio in una nuova collocazione che ponga Cinecittà Luce al servizio del cinema italiano ed europeo. L'Archivio storico Luce, Cinecittà News, la Cineteca, la Promozione cinematografica all'estero, la distribuzione di opere prime e seconde del cinema italiano ed europeo, la produzione e la distribuzione dei documentari, il supporto tecnico sul tax shelter e tax credit, la commercializzazione per conto del MiBAC dei film che hanno ottenuto i contributi statali per la produzione e la distribuzione sono le basi fondamentali per il futuro. Le professionalità impegnate in questi compiti sono state svolte negli anni da personale con contratti di diversa natura”.

In occasione della fusione le organizzazioni sindacali avevano ricevuto - prosegue la nota - rassicurazioni sul mantenimento dei livelli occupazionali e sulla possibilità di stabilizzare i contratti atipici. Ad oggi tutto questo - si sottolinea- è stato disatteso e le richieste di aggiornamenti sulle tematiche sovraesposte sono rimaste prive di risposte.

I lavoratori di Cinecittà Luce ritengono a questo punto "indispensabile ed urgente un incontro tra le organizzazioni Sindacali, a tutti i livelli, firmatarie dei due contratti in essere a Cinecittà Luce - Ccnl Cineaudiovisivo e Cnlg Contratto Nazionale Lavoro Giornalistico - con l'alta dirigenza aziendale".

23 Marzo 2010