Tv digitale, la più diffusa fra gli italiani

TREND

Digtvi: nel mese di febbraio le piattaforme elettroniche a quota 50,1% del consumo televisivo con il Dtt che fa la parte del leone (35%)

di Enzo Lima
Storico sorpasso della tv digitale su quella analogica. Il mese di febbraio ha visto prevalere la tv digitale in tutte le sue forme (terrestre, satellite, Iptv) rispetto alla tv analogica tradizionale. A dirlo Digtivi, che nella sua newslettere Digita precisa che “le piattaforme digitali sono arrivate a conquistare nel complesso la quota del 51,2% sul totale del consumo televisivo”.

La più frequentata è quella terrestre, che registra il 35% del totale ascolto tv e vale da sola il 69% dell'intero comparto televisivo digitale. Il satellite è stabile al 15,2% e la tv via Internet è in uso solo nello 0,4% dei casi.

Oltre a crescere l'ascolto di televisione nell'ambiente digitale rispetto all'analogico, aumenta anche il tempo trascorso davanti alla tv. Nelle aree completamente digitali il
tempo passato davanti alla tv cresce più del doppio rispetto al resto del paese e all'analogo periodo dell'anno scorso: è ormai di 267 minuti al giorno.
Muta il modo di fruire la Tv anche nelle aree non completamente digitalizzate  dove il tempo dedicato ai nuovi canali del digitale terrestre passa da 40 a 67 minuti. Non vincolata dalla transizione - questa crescita - è ancora più significativa e conferma la tendenza all’incremento del consumo televisivo nell’ambiente multicanale digitale.

31 Marzo 2010