Pubblicità verso la ripresa: trainano le aziende di Tlc

ADVERTISING

Cresce del 2,7% il mercato dell'advertising che prosegue la crescita avviata nel primo bimestre 2009

di Marino Petrelli
Dopo l’aumento registrato a gennaio, il mercato dell’advertising si conferma in crescita anche a febbraio con un +2,7% rispetto allo stesso periodo del 2009, arrivando a sfiorare la soglia di 1,3 miliardi di euro. Lo confermano gli ultimi dati pubblicati da Nielsen.

Internet, in particolare, registra un +3,8% nel primo bimestre di quest’anno: crescita modesta, secondo gli analisti di Nielsen, che hanno elaborato i dati di Fcp-AssoInternet, in quanto questo mezzo era già in un trend positivo nello stesso bimestre dello scorso anno. Complessivamente, nel periodo gennaio-febbraio 2010, il numero di aziende inserzioniste aumenta principalmente su Internet e al cinema (+22,5%), seguiti dalla televisione (+15,3%) e dalla radio (+13,7%), mentre è in calo sulla stampa (-4,9%).

Trainano le inserzioni pubblicitarie le Tlc con un aumento del 21% rispetto al primo bimestre del 2009 (al secondo posto dopo il settore toiletries). Ferrero, Wind, Vodafone, P&G, Tim sono i primi cinque inserzionisti del primo bimestre dell’anno.

Di diverso andamento la pubblicità in televisione, sia generalista che satellitare, che chiude il primo bimestre 2010 con un +4,9%, trainata dagli investimenti pubblicitari delle telecomunicazioni (+16,5%). La radio registra uno dei migliori risultati tra i media principali con una crescita dell’11%. Anche in questo caso il forte aumento degli investimenti proviene dalle aziende di telecomunicazioni e finanza/assicurazioni. Il direct mail chiude il bimestre con una leggera contrazione (-1,4%), mentre cresce l’advertising su transit (+10,6%), cards (+4,8%), out of home tv (dato non comparabile per aumento copertura sul mezzo).

15 Aprile 2010