L'iPad non distruggerà i libri. Parola di Brunetta

EDITORIA

Secondo il ministro il tablet di Cupertino è il futuro. "Ma un futuro che non cannibalizzerà le altre tecniche di comunicazione. Se così fosse, io mi opporrò"

di Enzo Lima
“L'iPad non distruggerà i libri”. Ne è certo il ministro della Pubblica amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta che, oggi, ha partecipato all'Aquila alla cerimonia di consegna finale dei libri distribuiti dalla fondazione Marilena Ferrari. “Viva l'iPad che certamente è il nostro futuro, ma viva tutti i libri che sono il nostro passato, il nostro presente e continueranno ad essere il nostro futuro – ha puntualizzato il ministro -. Le tecniche di comunicazione non si cannibalizzano, si sommano e l'iPad aumenterà le potenzialità di fruizione dei libri, senza distruggere la modalità precedente, come la televisione non ha distrutto la radio, o come Internet non ha distrutto né la televisione, né la radio”.
“L'iPad non distruggerà i libri e, comunque, io nel mio piccolo mi opporrò”, ha concluso.

29 Aprile 2010