Street View, Google consegna i dati ai governi europei

INTERNET

Il motore cede le informazioni raccolte impropriamente attraverso le reti wi-fi non protette. Il Ceo Eric Schmidt: "Veranno messe a disposizione delle autorità"

di Federica Meta
Google fornirà ai governi europei i dati impropriamente raccolti su reti WiFi non protette dalle vetture di Street View. A darne conto lo stesso Ceo di Mountain Vie, Eric Schmidt in un'intervista rilasciata al Financial Times. Schmidt ha precisato che tra un paio di giorni al massimo le informazioni saranno messe a disposizione degli enti regolatori di Germania, Spagna, Francia e Italia.
Si tratta, nello specifico, di frammenti di comunicazioni intercettate dalle reti Wifi aperte incrociate sul territorio che potrebbero contenere dati strettamente personali, da messaggi privati a numeri di conti bancari.
Il Ceo arriva addirittura ad ammettere che l'ingegnere responsabile del software ha raccolto i dati, in “chiara violazione” con le regole di Googlee che “al momento si trova sotto indagine interna”, i cui risultati saranno resi noti il mese prossimo.

La “questione Street View” esplode il mese scorso quando BigG stesso ammette di avere “inavvertitamente” raccolto circa 600 gigabyte di dati personali, frammenti di informazioni private scambiate dagli internauti attraverso reti WiFi senza protezione.

“La raccolta – spiegava una nota del motore di ricerca diffusa in quei giorni - è avvenuta attraverso le attrezzature montate sulle Google Car, le vetture che percorrono e fotografano i quartieri delle maggiori città del mondo per offrire le vedute dal livello stradale tipiche di Street View”.

Dopo l’ammissione sono scattate indagini della procura di Amburgo e dei garanti Privacy di Italia e Spagna.

04 Giugno 2010