Intercettazioni: obbligo di rettifica anche per i blog

IL DDL

Luigi Li Gotti (Idv) lancia l'allarme: "La legge prevede obbligo la rettifica entro 48 ore anche per i semplici blog amatoriali. Una vera assurdità"

di Federica Meta
"Se la legge sulle intercettazioni passerà così com'è stata licenziata dal Senato, tutti quelli che hanno un sito internet registrato in Italia, anche i semplici blogger amatoriali, dovranno vedersela con i nuovi obblighi di rettifica: 48 ore di tempo per pubblicarla con lo stesso rilievo e posizione, altrimenti scattano le sanzioni che vanno da 7.746 a 12.911 euro: una vera assurdità!".
A rilevarlo è il senatore Luigi Li Gotti, capogruppo dell'Italia dei valori in Commissione Giustizia a Palazzo Madama, secondo il quale "si tratta di una norma che non tiene in alcun conto la varietà e le diversità di pubblicazione delle notizie su internet".

"Una cosa è pretendere rettifiche e chiarimenti da siti professionali - sottolinea ancora Li Gotti - un'altra richiederle a quelli amatoriali, il cui 'responsabile' è chi ha registrato il sito, ma spesso naviga su internet saltuariamente e certamente non riuscirebbe a ottemperare agli obblighi di rettifica nei tempi prescritti. A questo punto per costoro l'unica soluzione sarà quella di trasmigrare su siti stranieri, così da non vivere con l'incubo di pesanti multe e con la facoltà di esprimere liberamente il proprio pensiero".



14 Giugno 2010