Street View, Pizzetti indaga sui dati via cellulare

PRIVACY

Il Garante della Privacy non si accontenta e chiede al motore di chiarire come vengono usate le informazioni di geolocalizzazione ottenute via cellulare

di Enzo Lima
Il Garante Privacy non molla la presa su Street View. Dopo che, lo scorso maggio, ha chiesto a Google di sospendere qualsiasi trattamento sui dati raccolti tramite il servizio ora l’Autorità chiede ulteriori dettagli su altri tipi di attività di raccolta info, connesse soprattutto all’uso dei cellulari che Google ha ammesso di portare ancora avanti. Si tratta di attività che permettono di localizzare l'utente che si collega ad Internet tramite il telefonino e utilizza i servzi di mappaura di Mountain View nonché di individuare tutte le reti wi-fi presenti in prossimità del dispositivo mobile.
Il Garante – come scrive il Sole24ore – ha inviato al motore di ricerca una serie di quesiti per fare chiarezza su come vengono usati questi dati e per assicurarsi che l’abbonato sia stato sufficientemente informato sulla tipologia di servizio.
Solo dopo che Google avrà risposto a queste domande il Garante deciderà come agire sia sui dati relativi alle reti wi-fi sia riguardo a queste ultime modalità di localizzazione.

28 Giugno 2010