Debutta in anteprima la piattaforma Vodafone per i contenuti editoriali

WEB NEWS

La società capitanata da Paolo Bertoluzzo gioca d'anticipo e offre ai propri clienti "in prova" il sistema che il 2 agosto il Gruppo Espresso lancerà con tutti gli operatori

di Enzo Lima
Il Gruppo Espresso scommette sull'informazione digitale. E lo fa scegliendo il cellulare come chiave di accesso ai contenuti a pagamento che verranno presentati il 2 agosto prossimo in un'offerta che consentirà ai clienti di tutti gli operatori di accedere ai contenuti a pagamento di Repubblica su tutte le piattaforme digitali: pc, tablet, smartphone.

In questo contesto Vodafone gioca d'anticipo, offrendo in anteprima mondiale ai propri clienti il nuovo sistema per acquistare e accedere ai contenuti editoriali a pagamento su tutti i dispositivi. Tutti i clienti Vodafone infatti, già da oggi, possono sperimentare il nuovo sistema multipiattaforma e sfogliare gratuitamente per due settimane “la Repubblica+”, la versione digitale del quotidiano, che da agosto andrà a confluire nel pacchetto unico di offerta.

"Con questa iniziativa, Vodafone conferma il proprio impegno ad investire in innovazione e servizio offrendo alle industrie del mondo editoriale il primo sistema di pagamento al mondo che permette di acquistare contenuti digitali su qualsiasi piattaforma (cellulare, Pc e iPad/tablet) in modo semplice e sicuro utilizzando il cellulare", fa sapere l'operatore in una nota.

I clienti possono acquistare i contenuti digitali a pagamento utilizzando il proprio credito telefonico. L’acquisto avviene in maniera immediata e sicura con un semplice click in caso di accesso dal proprio telefonino o, nel caso di accesso da altre piattaforme (Pc e tablet), tramite l’inserimento del proprio numero di cellulare e di una password a scelta. La sicurezza è garantita dai più avanzati sistemi di sicurezza che gestiscono i dati in modo criptato.

"Un sistema sicuro e di utilizzo immediato che ha l’ambizione di accompagnare il mercato editoriale in questa fase di transizione verso nuove modalità di accesso ai contenuti a pagamento", conclude Vodafone.


21 Luglio 2010