New York Times, colpo di scena: chiude l'edizione cartacea?

EDITORIA

Sulzberger, proprietario della storica testata Usa: "Smetteremo di stampare il giornale in un futuro vicino". Ma secondo gli analisti l'attività online non potrà sostenere l'attuale numero di redattori

Il New York Times a passo spedito verso l’addio alla carta. Ad annunciarlo il proprietario della storica testata americana, Arthur Sulzberger. "Smetteremo di stampare il New York Times ad un certo punto, ma la data è ancora da stabilire", ha detto in occasione di un summit sui media a Londra. Come riporta oggi l'Huffington Post, le sue parole sono arrivate a commento di una previsione che il giornale cesserà di essere stampato entro il 2015.

Secondo Henry Blodget, fondatore di Business Insider e profondo conoscitore delle dinamiche del mercato editoriale "le caratteristiche economiche dell'attività online non saranno in grado di sostenere l'infrastruttura della redazione come fa il giornale cartaceo. A meno che la New York Times Company non escogiti una nuova formula miracolosa per generare fatturato digitale, dovrà alla fine ridimensionarsi".

In aprile il giornale aveva comunicato che in conti erano tornati in attivo dopo il taglio dei costi varato in seguito alle perdite dell'anno scorso e alla crescita delle entrate pubblicitarie su Internet. La Times Co., proprietaria anche di International Herald Tribune, Boston Globe ed altri quindici quotidiani, aveva riportato un profitto di 14,15 milioni di dollari (8 cent ad azione) nel primo quadrimestre di quest'anno, contro un passivo di 74,22 milioni di dollari (52 cent ad azione) dello stesso periodo del 2009.

09 Settembre 2010