Operazione Europeana. In catalogo 14 milioni di libri

EDITORIA

Il commissario per l'Agenda Digitale Neelie Kroes: "Fondamentale la disponibililità delle istituzioni culturali nazionali a digitalizzare il patrimonio culturale"

di F.M.
Si arricchisce di giorno in giorno l'offerta di Europeana, la biblioteca digitale europea, che ad oggi conta già oltre 14 milioni di opere. Il progetto, avviato nel 2008, permette la consultazione di libri, carte geografiche, fotografie, quadri, ma anche film e videoclip provenienti dalle istituzioni culturali di tutta Europa.

''Europeana è un eccellente esempio di come la cooperazione a livello europeo possa arricchire la vita di ciascuno", spiega il commissario Ue all'Agenda digitale Neelie Kroes, secondo la quale il progetto ''potrebbe essere perfezionato ulteriormente se un maggior numero di istituzioni europee digitalizzasse le proprie collezioni e le rendesse accessibili attraverso il portale europeo''.

Tra le opere aggiunte quest'anno sul portale figura, tra l'altro, un manoscritto in pergamena bulgaro risalente al 1221, ma anche il "Catechismusa prasty szadei", il primo libro in lingua lituana pubblicato nel 1547 ed una copia della "Techne retorikes" di Aristotele del 1588 scritto in greco antico e latino.

Le fotografie, le carte geografiche, i quadri, gli oggetti museali e le altre immagini digitalizzate costituiscono il 64% della collezione di Europeana. Il 34% è dedicato ai testi digitalizzati, che comprendono oltre 1,2 milioni di libri, visualizzabili online e scaricabili in versione integrale. I testi includono anche migliaia di manoscritti rari e incunaboli stampati prima del 1500.

18 Novembre 2010