Flop della strategia adv: Tim manda a casa Belen

IL CASO

Effetto boomerang per la campagna che vede protagonista la showgirl sudamericana insieme con De Sica e che sarebbe costata il posto a Fabrizio Bona. Persi molti clienti "storici": convocate sei agenzie di comunicazione per dare il via a un nuovo format

di Mila Fiordalisi
Telecom Italia corre ai "ripari". Gli spot tv che vedono protagonista la showgirl sudamericana Belen Rodriguez e l'attore Cristian De Sica non ha raggiunto i risultati sperati. E secondo quanto risulta al Corriere delle Comunicazioni le performance deludenti sul fronte delle utenze mobili sarebbero in parte dovuti proprio alla campagna di comunicazione voluta da Fabrizio Bona, l'ex manager di Wind chiamato in azienda in qualità di responsabile consumer e recentemente defenestrato a causa dei mancati obiettivi di business e sostituito da Marco Patuano, direttore domestic market operations che assume ad interim l'incarico ricoperto da Bona.

"Scegliere Belen Rodriguez è stato un errore - dice al Corriere delle Comunicazioni una fonte interna a Telecom Italia che preferisce non comparire -. Molti dei clienti storici di Telecom, in particolare le famiglie, non hanno gradito la scelta della show girl in qualità di testimonial. E ciò si è tradotto in fuoriuscite di clienti verso operatori concorrenti".

Secondo quanto si legge in un articolo pubblicato da Panorama Economy  Telecom avrebbe convocato ben sei agenzie di comunicazione per dare il via ad una nuova campagna e le proposte sono attese già entro metà dicembre. Le sei agenzie sono: Leo Burnett, ideatore dell'attuale format, Lowe Pirella Fronzoni, Armando Testa, Kein Russo, Santo e Publicis.

09 Dicembre 2010