Pandora, la web radio sotto indagine federale

PRIVACY

Sospetti di violazione della privacy sull'applicazione che utilizza il Genome Music Project per creare scalette musicali a misura di ascoltatore. In ballo la cessione a terzi dei dati personali

di Andrea Ciccolini
Il governo Obama mette sotto osservazione Pandora, la web radio più famosa del mondo. Partendo da un’inchiesta del Wall Street Journal che ha rivelato che, tramite l’applicazione per smartphone della web radio, i dati personali dell’utente vengono girati a terzi, i federali americani hanno scoperto che è altissimo il rischio di violazione della privacy.

Le informazioni raccolte da Pandora servono al Genome Music Project, il sistema utilizzato dal sito per creare, scegliendo tra 750mila tracce, una scaletta musicale su misura per ogni utente, ma anche ad aziende terze interessate a bersagliare gli utenti con pubblicità mirate.

Pandora, società fondata nel 2000 da Tim Westergren che, nei primi tre mesi del 2011, ha fatto registrare un reddito di 90 milioni e pensa di quotarsi in borsa, non ha smentito le accuse di violazione della privacy.

08 Aprile 2011