Internet, nuove regole per i dipendenti pubblici

RIFORMA DELLA PA

Dopo la lotta ai fannulloni e al monitoraggio delle assenze, il ministro per la PA e Innovazione continua la sua “rivoluzione”, definendo nuove regole per l’utilizzo del Web sul posto di lavoro. Renato Brunetta ha firmato una direttiva riguardante l’utilizzo sul luogo di lavoro di Internet e della casella di posta elettronica istituzionale. La direttiva, in corso di registrazione presso la Corte dei Conti, richiama le norme per l’esercizio del potere di controllo e i doveri di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni nell’utilizzo dei strumenti informatici.



Il documento prevede che siano le stesse PA, in quanto datori di lavoro, a controllare il corretto utilizzo di e-mail e Internet, definendone “le modalità di utilizzo nel’organizzazione dell’attività lavorativa - precisa il testo - e adottando le misure necessarie a garantire, la sicurezza, la disponibilità e l’integrità dei sistemi informativi”. Il tutto nel rispetto della Privacy. La direttiva, richiama infatti, i principi contenuti nelle linee guida del Garante della Protezione dei Dati personali nonché il Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

 

27 Maggio 2009