Reti amiche, al via in 30 comuni il 'notaio digitale'

PA DIGITALE

Il ministro della Pubblica amministrazione e Innovazione, Rentato Brunetta ha presentato il protocollo d'intesa con il Consiglio nazionale del Notariato

Decolla la sperimentazione dei servizi "reti amiche" in 30 Comuni italiani, che permetterà al notaio di accedere direttamente ad informazioni anagrafiche, visure catastali e altre informazioni sugli immobili.

Ad annuniciarlo durante la conferenza a Palazzo Chigi il ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta, presentando il protocollo fra il suo ministero e il Consiglio nazionale del Notariato. «È un ulteriore tassello - ha detto Brunetta - che per il momento riguarda 100.000 abitanti. Mi piacerebbe che la rete dei Notai e l'Anci potessero generalizzare questo mirabile prototipo portando da 100.000 a 60 milioni il numero di utenti».

Attraverso la sperimentazione di "reti amiche" fra notai e comuni - ha spiegato il ministro - "si va dal notaio, si chiede un certificato catastale e lo si ottiene allo stesse condizioni del Comune. E non è necessario essere cliente del notaio". Si tratta - ha commentato Brunetta - di una "bella pagina di buona amministrazione, buone relazioni professionali e buon governo". La sperimentazione - informa una nota congiunta del ministero per la Pubblica amministrazione del del Consiglio nazionale del Notariato - è operativa in 25 comuni in provincia di Padova, Borgoricco, Maserà di Padova, Saccolongo, Saonara; di Verona, Bovolone, Castel d'Azzano, Castelnuovo del Garda, Lazise, Minerbe, Negrar, Oppiano, Povegliano Veronese, Salizzole, Soave, Sona, Terrazzo, Trevenzuolo; di Vicenza, Brendola, Camisano Vicentino, Castelgomberto, Dueville, Marano Vicentino, Montecchio Maggiore, Torri di Quartesolo e di Venezia, Mirano. Sono in corso i lavori per estenderla anche ai comuni di Forlì, Roma, Brescia e Prato. "Spero - ha detto Brunetta - di arrivare entro pochi mesi ad un milione di abitanti interessati.

18 Giugno 2009