Atti notarili online, boom in Emilia Romagna

INNOVAZIONE

Nel solo ufficio provinciale di Bologna i documenti ipotecari inviati alle Conservatorie per via telematica sono balzati al 45%. Intanto via alla sperimentazione anche nei registri immobiliari di Firenze, Lecce e Palermo Roma, Milano, Napoli e Torino.

di E.L.
Cresce il numero delle trasmissioni degli atti notarili inviati per via telematica, in copia digitale, alle Conservatorie dei registri immobiliari. E' quanto emerge da una sperimentazione avviata lo scorso gennaio e di cui si è parlato al "Saie 2011", in un convegno su "Istituzioni e Ordini Professionali per il Governo del Territorio" organizzato dell'Agenzia del Territorio con il Consiglio degli Ordini Notarili dell'Emilia-Romagna e la Fondazione Geometri e Geometri Laureati dell'Emilia-Romagna.

Nel solo ufficio provinciale di Bologna - si legge in una nota - il numero delle formalità ipotecarie con titolo telematico è passato da un 5% fino a raggiungere il 45% nel mese di settembre e le previsioni, sulla base delle rilevazioni dei primi dati di ottobre, indicano una tendenza netta verso un'ulteriore crescita delle percentuali.

La sperimentazione - che ha preso il via lo scorso gennaio - offre la possibilità, a tutti i notai italiani, di trasmettere, facoltativamente, gli atti notarili in copia digitale, per via telematica, alle Conservatorie dei registri immobiliari di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo e, dallo scorso 29 settembre, anche a quelle di Roma, Milano, Napoli e Torino.
Successivamente, con provvedimento dell'Agenzia del Territorio e del Ministero della Giustizia - conclude la nota - saranno stabilite modalita' e termini per l'estensione dell'invio telematico a tutto il territorio nazionale.

06 Ottobre 2011