L'Nfc di PosteMobile a servizio del trasporto pubblico

SERVIZI

La società lancia una nuova gamma di soluzioni basate sull'integrazione con la sim per usare il cellulare come titolo di viaggio. Via anche a servizi per la rilevazione presenze in azienda. L'ad Giacchi: "Puntiamo a semplificare la vita ai cittadini"

di F.Me.

Nfc a servizio del trasporto pubblico e delle imprese. In occasione di ForumPA PosteMobile ha lanciato una gamma di soluzioni ad hoc basate sull'intergazione dei servizi Near Field Communication sulla Sim che consentono al cellulare di essere utilizzato come titolo di viaggio, come moneta elettronica per i pagamenti in mobilità attraverso l’integrazione sulla sim di carte di credito o prepagate e come badge aziendale per accedere in ufficio e per registrare la presenza.

“L’Nfc è un progetto in cui la nostra azienda sta investendo con convinzione mezzi ed energie. Già dal 2013 assisteremo ad una graduale commercializzazione dei servizi contactless poiché  molti dei limiti che nel passato ne hanno ostacolato la diffusione sono stati indirizzati e superati - sottolinea Roberto Giacchi amministratore delegato di PosteMobile - I servizi Nfc si inseriscono perfettamente nella mission di PosteMobile, che punta a semplificare la vita dei propri clienti portando su un unico strumento, cioè il cellulare, i servizi per poter assolvere a numerose incombenze quotidiane”.

La società ha già avviato numerose sperimentazioni cona aziende di traporto pubblico locale. PosteMobile ha pensato ad un'applicazione  che consente di leggere il biglietto o l’abbonamento in modalità contactless: il controllore  avvicinerà il titolo di viaggio al telefono e sul display verranno immediatamente visualizzati i dati necessari a confermarne la validità.

I cittadini potranno invece acquistare e ricaricare in mobilità i titoli di viaggio e validarli sul mezzo di trasporto semplicemente avvicinando il proprio cellulare alla macchina validatrice presente a bordo. Il cliente può così contare sulla totale smaterializzazione del biglietto, grazie un nuovo canale di acquisto (app mobile), reso disponibile da PosteMobile.

Sul versante delle imprese, la Sim Nfc è in grado di integrare diversi servizi: il Badge per la rilevazione delle presenze, il dispositivo per l’ingresso a luoghi ad accesso ristretto,  i buoni pasto, l’acquisto presso i distributori automatici, la scheda per l’accesso alla stampante e al Pc. Grazie a questa soluzione le Imprese potranno usufruire della combinazione di servizi di fonia mobile tradizionale integrata con innovativi servizi di prossimità in tecnologia Nfc. La  Sim diventa così il punto di aggregazione di servizi diversi, con indubbi vantaggi sia per le aziende in termini di riduzione dei costi legata al minor numero di dispositivi da gestire, sia per i dipendenti che avranno in dotazione un unico strumento aziendale per le diverse attività giornaliere. I servizi  per le imprese sono in fase di test già da ora in PosteMobile e saranno successivamente estesi a Poste italiane e alle società del Gruppo, allo scopo di ottimizzare l’esperienza di utilizzo prima di essere lanciati sul mercato.

Infine i pagamenti. Grazie alla sinergia con Bancoposta, PosteMobile si propone come fornitore di una soluzione che consente ai clienti di integrare nella Sim strumenti di pagamento elettronici, quali carte di credito e/o PostePay contacless. 

Le nuove soluzioni vanno ad aggiungersi all’offerta di servizi mobili tradizionali (voce/sms/dati)  per  “Privati” e  “Aziende” e quelli mobili inytegrati con le prestazioni erogate dal Gruppo Poste Italiane e da altre aziende ed istituzioni partner.

PosteMobile è stato il primo operatore mobile a lanciare sul mercato italiano servizi di m-payment, m-banking e m-commerce fruibili mediante la semplice “associazione” della Sim PosteMobile con il proprio strumento di pagamento (conto BancoPosta, carta Postepay o Carta di Credito) e accessibili dal menu della Sim o dall’applicazione “PosteMobile Store”.

Si tratta di servizi abilitano il cliente a effettuare direttamente dal cellulare: operazioni informative (verifica del saldo e degli ultimi movimenti del conto corrente o della Postepay, tracciatura dello stato di consegna di posta raccomandata e assicurata) e operazioni dispositive (pagamento bollettini, bonifici, giroconti, ricarica Postepay e del credito telefonico, trasferimento di denaro all’estero e acquisto di  beni e servizi).

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Maggio 2012

TAG: postemobile, nfc, roberto giacchi

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store