Quattro best practice italiane finaliste agli European e-Gov Awards

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Tra le 52 PA europee selezionate per la finale il Mepa, Intercent-ER, Digit 2.0 e il Sistema Informativo della Regione Veneto

di Federica Meta
Quattro progetti quattro che porteranno in Europa l’innovazione made in Italy. Sono quelli selezionati come finalisti per gli European e-Government Awards 2009 della Commissione Europea, il riconoscimento che da quattro anni premia le eccellenze nel campo della digitalizzazione della PA e nel miglioramento dei servizi a cittadini ed imprese attraverso le nuove tecnologie. Le quattro best practice italiane - su un totale di 52 che parteciperanno alla finale – sono il Mercato elettronico della PA gestito da Consip che permette alle amministrazione di effettuare online gli acquisti di beni e servizi ; “Digit 2.0” del Tribunale di Cremona che prevede l’utilizzo di strumenti di Web conference nella fase dibattimentale dei processi; “Intercent-ER” della Regione Emilia Romagna, il centro regionale che supporta le amministrazioni locali nella razionalizzazione della spesa pubblica attraverso l’uso di una piattaforma tecnologica ad hoc; il “Sistema Informativo regionale del Veneto”.

Il vincitore verrà proclamato il 19 novembre prossimo a Malmö in Svezia (presidente di turno della UE) durante la quinta Conferenza Interministeriale sull’e-Government che avrà l’obiettivo di tracciare lo stato dell’arte dell’e-Government in Europa, proponendo al contempo iniziative e politiche di livello europeo. In occasione della Conferenza le PA esporranno i risultati dei loro progetti ed avranno l’opportunità di confrontarsi e condividere idee ed iniziative future. Toccherà invece a una commissione giudicante, composta da esperti indipendenti, selezionare il vincitore per ciascuna delle categorie: e-Gov a supporto del Mercato; e-Gov per i servizi al cittadino;  e-Gov per i servizi alle imprese (in particolare per piccole e medie); e-Gov per l’efficienza e l’efficacia amministrativa.

10 Settembre 2009