Piemonte, bando da 700mila euro per la scuola digitale

E-GOVERNMENT

Contributi riservati agli istituti di secondo grado paritario e alle agenzie formative per lo sviluppo e l'implementazione delle classi 2.0

di P.A.

Via libera in Piemonte al bando da 700mila euro per la concessione di contributi alle scuole secondarie di secondo grado paritarie e alle agenzie formative per lo sviluppo e l’implementazione delle classi 2.0. Lo comunica, in una nota, la Regione Piemonte.

L’azione si inserisce nell piano nazionale scuola digitale, siglato il 18 settembre scorso tra il ministero dell’Istruzione, la Regione Piemonte e l’Ufficio Scolastico Regionale, e si aggiunge al bando per le scuole statali già lanciato nelle settimane passate dall’Usr. "Oggi la tecnologia fa parte integrante della vita professionale e privata di ognuno di noi e i giovani sono i più portati verso i nuovi strumenti di comunicazione - sottolinea Alberto Cirio, assessore all’Istruzione della Regione Piemonte - Quindi potenziare tra i banchi l’uso degli strumenti informatici è un modo per rendere la nostra scuola più competitiva e al passo con i tempi".

"Questo bando risponde all’esigenza di adeguare la scuola all’entrata dei nostri ragazzi nell’era digitale. Oggi si parla spesso di Digital Divide - dice Claudia Porchietto, assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale - ma come è stato detto anche da autorevoli personaggi internazionali sarebbe più corretto parlare di apartheid digitale persistente. La Regione Piemonte con questo contributo vuole nel suo piccolo abbattere questo tipo di barriera per permettere ai nostri giovani di avere pari chance per il proprio futuro".

©RIPRODUZIONE RISERVATA 18 Marzo 2013

TAG: piemonte, classi 2.0, alberto cirio, claudio porchietto, regione

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store