Debiti PA: più vicino lo sblocco dei fondi, l'Ict aspetta 3 miliardi

IL DECRETO

Camera e Senato votano la risoluzione che impegna il governo ad emanare un decreto ad hoc. Sul tavolo anche l'allentamento del patto di stabilità interno. Domani alle 10 il Cdm

di Federica Meta

Più vicino il pagamento dei debiti della PA alle imprese, tra cui quelle Ict che esigono pagamenti per 3 miliardi di euro. Senato e Camera hanno approvato risoluzioni unitarie che impegnano il governo ad emanare un decreto legge ad hoc che potrà già essere varato nel Cdm  in programma domani alle 10. Con il provvedimento si potranno liberare almeno 40 miliardi di euro, tra 2013 e 2014, a favore delle attività produttive.
Il documento è stato firmato da Pd, M5s, Pdl, Lega, Sel, Cd e Sc. Nelle risoluzioni, tutte le forze politiche sono concordi nel rispettare gli impegni presi con l'Ue in materia di bilancio ma sottolineano anche la necessità di "una vera svolta" delle politiche dell'Unione in direzione di uno sviluppo sostenibile e della costruzione di un "vero bilancio federale". Da qui la richiesta di allentare i vincoli del patto di stabilità almeno per i comuni. Per quanto riguarda i debiti della PA, le risoluzioni mettono l'accento sulla necessità di dare priorità alle imprese rispetto alle banche richiamando comunque il principio della trasparenza.

Il provvedimento, annunciato nelle scorse settimane dal premier, Mario Monti, e dal ministro delle Finanze, Vittorio Grilli, prevede che tra 2013 e 2014 vengano sbloccate due tranche da 20 miliardi ciascuna per rimborsare le imprese che hanno all'attivo dei crediti nei confronti della Pubblica amministrazione.

L’Ict, insieme all'edilizia e alla sanità, che i debiti della pubblica amministrazione recano maggiori danni alle imprese. In questi settori viene consumato gran parte del debito complessivo (più o meno il 90%: oltre 60 miliardi di euro su 71). Nel settore dell'Information & Communication Technology ammonta a tre 3 miliardi il credito vantanto dalla imprese con un ritardo medio di pagamento di 240 giorni.
Stefano Parisi, presidente di Confindustria digitale, nei giorni scorsi aveva parlato di una “situazione insostenibile per l’Ict italiano”. I ritardi di pagamenti da parte della PA pesano come un macigno, “visto che molte delle imprese creditrici sono piccole e devono gran parte del loro business proprio alla pubblica amministrazione - diceva Parisi - Per molte di queste aziende - soprattutto quelle fornitrici di sistemi - incassare il dovuto diventa una questione di vita o di morte".

L’allentamento del patto di stabilità interno andrebbe invece incontro alle esigenze degli enti locali che hanno in pancia circa 40 miliardi di euro che, però, non possono essere investiti. Sia Anci sia la Conferenza delle Regioni avevano dato battaglia per trattare a Bruxelles una golden rule per gli investimenti in Ict e un allentamento del patto di stabilità per mettere in moto l’Agenda digitale. “Le smart city così come il documento digitale unificato  - ha sottolineato l’Anci al Corriere delle Comunicazioni - non sono semplicemente un modo di iniettare tecnologia nei centri urbani o erogare prestazioni online, ma sono  una leva per ripensare le città in un ottica di miglioramento dei servizi alle persone, di e-welfare insomma che, nel medio periodo, saranno in grado di efficientare sia i sistemi sanitari sia la macchina dell’amministrazione pubblica”.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 02 Aprile 2013

TAG: debiti pa, patto di stabilità, mario monti, vittorio grilli, anci, conferenza regioni, stefano parisi

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store