118: tempi dimezzati per i soccorsi grazie a un software ad hoc

SICILIA

Realizzata da Sicilia e-servizi la piattaforma che "suggerisce" il mezzo di soccorso e l'ospedale più appropriato a seconda del codice di emergenza. Partite Palermo e Trapani grazie a un investimento di 3 milioni di euro da parte della Regione

di Mila Fiordalisi
Passano da 90 a 44 secondi i tempi medi per l'invio dei mezzi di soccorso del 118 nel distretto di Palermo (che ha conpetenza anche su Trapani) grazie al nuovo sistema di coordinamento informatizzato della centrale operativa realizzato da Sicilia e-servizi, società che fa capo all'assessorato regionale al Bilancio.

Il sistema è in grado di identificare immediatamente l'indirizzo dell'utenza telefonica fissa da cui proviene la chiamata e dopo le domande precodificate, da parte dell'operatore, per accertare la natura dell'emergenza e il grado di criticità, il software applicativo assegna automaticamente il codice di intervento (bianco, verde, giallo e rosso) e suggerisce all'operatore il mezzo di soccorso disponibile più idoneo e l'ospedale più appropriato. "Il sistema porterà a individuare la struttura ospedaliera più adeguata all'emergenza - spiega l'assessore regionale alla Sanità Massimo Russo - con una gestione totale dei posti letto in ogni struttura ". Il software è stato installato nelle sedi operative di Palermo e Trapani e a fine anno sarà operativo anche a Caltanissetta, Catania e Messina. Nel progetto la Regione ha investito quasi 3 milioni di euro (800 mila euro la spesa annuale di gestione).

06 Novembre 2009