L'Abruzzo spinge l'acceleratore sui progetti hi-tech

INNOVAZIONE

Innovare servizi e infrastrutture tra gli obiettivi di programma della Regione. L'assessore allo Sviluppo economico Castiglione: "Creeremo nuove modalità di accesso alla PA per cittadini e imprese"

di Federica Meta
“La Regione Abruzzo ha avviato una serie di interventi e progetti nello specifico segmento dell'Information and Communication Technology per lo sviluppo della Società dell'informazione. Obiettivo: realizzare servizi di base mancanti ed ampliare e incrementare la fruibilità di enti, cittadini ed imprese agli accessi di tipo tradizionale”.

L'assessore allo Sviluppo economico della Regione Abruzzo, Alfredo Castiglione, ha risposto così, in sede di Consiglio regionale, all'interrogazione del gruppo dell'Italia dei Valori sull'attuazione dei programmi per lo sviluppo della Società dell'informazione.

“Tali interventi – ha precisato Castiglione - alcuni in corso di realizzazione, altri pronti allo start up da affidare alla gestione ordinaria, sono collocati all'interno del più generale Accordo di programma quadro Sviluppo della Società dell'informazione nella Regione Abruzzo e relativi Atti integrativi, in attuazione del Piano d'azione per lo sviluppo della Società dell'informazione e-goverment (Pasi)''.

La Regione concentra sua azione innovativa nelle infrastrutture, per la realizzazione di una efficiente rete di comunicazione tra enti in modalità IP oriented e multicanale); nei servizi di base, per offrire un insieme di servizi erogabili direttamente sulle infrastrutture di comunicazione e, infine, in quelli applicativi, per lo sviluppo di un complesso di strutture in grado di erogare in modalità telematica e multicanale servizi Web oriented ad Enti, cittadini ed imprese. Gli interventi sono attuati prevalentemente dall'Agenzia regionale per l'Informatica e la Telematica con il coordinamento della Regione Abruzzo, attraverso la Struttura speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale.

Nel quadro generale degli interventi Ict, le soluzioni applicative implementate ricadono in aeree eterogenee di interesse strategico a livello regionale (Sanità, Cultura, Turismo, Attività Produttive, Sociale, Lavoro) – ha rimarcato l’assessore -. E in particolare, lo sviluppo dei servizi applicativi ha riguardato sia tematiche consolidate che innovative e d'integrazione quali ad esempio il supporto alla sperimentazione nazionale per il Digitale Terrestre e le anagrafi centralizzate. Per tutti gli interventi sono state espletate procedure di gara europea aggiudicate con il criterio dell'offerta economicamente più  vantaggiosa”.

09 Febbraio 2010