Camera, arrivano le interrogazioni "elettroniche"

DEMATERIALIZZAZIONE

Da oggi mozioni e interpellanze possono essere registrate e inviate agli uffici dell'Assemblea tramite il portale Intranet di Montecitorio

di Silvia De Luca
La Camera dei deputati spinge sull'innovazione. A partire da oggi gli onorevoli potranno presentare gli atti parlamentari attraverso il formato digitale e non più soltanto con il deposito del documento cartaceo presso il banco della Presidenza. Oltre ai vantaggi economici sui costi carta, anche quelli che riguardano lo snellimento delle procedure di lavoro del Parlamento.

La nuova procedura elettronica introdotta alla Camera richiede una semplice registrazione presso l’apposito Centro servizi per ottenere il certificato di firma digitale a tutti gli effetti valido come firma autografa. Al termine di tale procedura ciascun deputato potrà sottoscrivere documenti, come le proposte di legge, le interrogazioni e le interpellanze, le mozioni e le risoluzioni che verranno inviate automaticamente, attraverso il Portale intranet della Camera dei deputati, agli uffici dell'Assemblea o del Servizio per i Testi normativi per l'istruttoria e la loro pubblicazione nei resoconti.

15 Febbraio 2011