Avio, firmato l'accordo azienda-sindacati

LA VERTENZA

La Fiom-Cgil: "Un’intesa importante che prevede miglioramenti salariali e normativi”. Normate le condizioni del lavoro precario

di F.Me.
Siglato oggi l’accordo per il gruppo Avio. A darne notizia una nota della Fiom-Cgil che la definisce "un’intesa importante che prevede miglioramenti salariali e normativi”.

“Quella raggiunta oggi a Roma nel gruppo Avio è un’intesa importante che porterà a regime un aumento salariale medio annuo di 1.250 euro, 1.050 dei quali sul Premio di Risultato che vedrà aumentata la quota fissa mensilizzata - spiega Massimo Masat, coordinatore nazionale Fiom-Cgil del gruppo Avio - Per la prima volta, in questa Azienda viene normata la condizione del lavoro precario. L’accordo prevede che, per quel che riguarda i lavoratori somministrati, vi sia un tetto massimo del 7% e un periodo massimo di 26 mesi".

Per la prima volta nella storia delle relazioni sindacali di Avio, viene riconosciuto come soggetto negoziale un Coordinamento nazionale dei 4 siti. “Per la Fiom questa è un’ipotesi di accordo importante che prevede una spalmatura del premio sugli attuali obiettivi produttivi e la difesa delle condizioni del lavoro precario. L’intesa verrà adesso sottoposta al voto, prima di tutte le Rsu di Avio e, successivamente, di tutti i lavoratori con un apposito referendum - conclude Masat - In una condizione di crisi internazionale, questo accordo dimostra che si possono tutelare i lavoratori e migliorarne le condizioni economiche, senza chiedere ulteriori sacrifici”.

13 Dicembre 2011