Per Apple nuovo store in Cina. Ma altri 25 entro il 2012

RETAIL

Inaugurazione gremita di folla per il negozio in cristallo nel quartiere del Pudong. L'azienda punta a trasformare il mercato cinese nel suo terzo mondiale

di Enzo Lima
Anche Apple, come Google, si prepara a uno sbarco in grande stile in Cina. In risposta agli analisti che criticavano l’azienda di Steve Jobs per gli scarsi investimenti sul mercato asiatico, arriva l’inaugurazione dello store a Shangai, il secondo Apple in Cina (il primo, a Pechino, fu aperto nel 2008 in occasione dei giochi olimpici). Entro il 2012 l'azienda progetta di aprirne altri 25 trasformando la Cina nel suo terzo mercato mondiale.

Molti simile al castello di vetro di New York, il nuovo store si trova nel Pudong, il quartiere finanziario simbolo della crescita esplosiva di Shangai, sulla riva destra del fiume Huangpu che attraversa il cuore della città.

In realtà quello cinese rimane un mercato piuttosto piccolo per Apple che, secondo Idc, controlla meno dell’1% del mercato cinese dei computer e meno del 2% di quello degli smartphones. China Unicom, secondo operatore mobile del Paese e partner di Apple in Cina, ha venduto soltanto 750mila iPhone nel semestre seguito al lancio nel paese anche se in tutta la Cina, secondo Bda, ne circolerebbero il triplo grazie alla distribuzione non ufficiale.

13 Luglio 2010