India, un tablet da 35 dollari alimentato con energia solare

DIGITAL DIVIDE

Il governo spinge sul diritto allo studio con il lancio di un dispositivo messo a punto da un team di laureandi di Bangalore. E punta ad abbassare ulteriormente il prezzo fino a 10 dollari

di Margherita Amore
Somiglia a un iPad ma costa quattordici volte di meno. È il nuovo mini pc ultra low-cost sviluppato in India: prezzo 35 dollari (27 euro circa).

“Non è un laptop propriamente detto - chiarisce il ministro indiano dello Sviluppo delle risorse umane, Kapil Sibal, presentandolo - ma un tablet con schermo touch capace di compiere le funzioni basilari che ci si può aspettare da un computer, inclusa una memoria ram di 2Gb, videoconferenza, un lettore multimediale, wi-fi e la possibilità di installare programmi”. Il sistema operativo (gratuito) è Linux.

Un prodotto accessibile soprattutto agli studenti per supportare il proprio percorso di studi. Il governo infatti vorrebbe a tal fine incentivare scuole e università ad acquistarlo. Il portatile (che non ha ancora un nome) è stato realizzato da un team di laureandi e ricercatori statali di Bangalore che sono riusciti, attraverso la scelta di materiali e l'uso di innovazioni tecnologiche, a contenere al massimo i costi di produzione.

"Abbiamo raggiunto un punto dello sviluppo in cui scheda madre, chip, sistema di elaborazione e connettività costano in tutto 35 dollari. Sono comprese anche la memoria, lo schermo, tutto - ha spiegato il ministro -. Sarà disponibile dal prossimo anno e sarà prodotto in un milione di esemplari”.

Si sta inoltre lavorando anche per l'inclusione di un pannello solare per la ricarica della batteria. Un componente determinante in un paese dove molte zone, anche urbanizzate, hanno collegamenti parziali o assenti con la rete elettrica. Il governo indiano non si ferma qui e annuncia l’intenzione di far scendere ulteriormente il prezzo del laptop a 470 rupie, ovvero dieci dollari. 

23 Luglio 2010