Huawei investe in Ungheria: previste fino a 3000 assunzioni

STRATEGIE

Il vendor cinese vuole fare del Paese europeo il suo principale sito continentale. Stimata una produzione per un valore di 1,2 miliardi di dollari quest'anno e di 3 miliardi nel 2012

di Patrizia Licata
Huawei sta pensando di fare dell’Ungheria il centro della sua logistica europea e uno dei maggiori siti di produzione del nostro continente, nel quale sta conducendo una decisa campagna di espansione. Il vendor cinese di attrezzature di telecomunicazione ha infatti intenzione di incrementare la capacità produttiva e lo staff ungheresi, secondo quanto riportato dall’agenzia locale MTI-Econews che cita come fonte la stessa Huawei.

Il valore della produzione di Huawei in Ungheria dovrebbe raggiungere 1,2 miliardi di dollari quest’anno e 3 miliardi di dollari l’anno prossimo, mentre verranno assunte da 1000 a 3000 nuove persone, secondo quanto riferito a Pecs, Ungheria, l’8 giugno da William Chen, capo del supply center europeo di Huawei.

Il direttore incaricato delle government relations Sun Ye ha spiegato che Huawei sta cercando una sede per stabilire la sua base logistica europea e che al momento sta valutando le proprietà esistenti, ma il sito definitivo sarà scelto nei prossimi mesi, ha chiarito Chen, e l’Ungheria è la candidata numero uno.

Dal prossimo mese, Huawei comincerà a rifornire i suoi partner in Africa occidentale dalla sede di Pecs. In Ungheria, Huawei ha al momento due basi produttive: a Komarom (nel nord-ovest del Paese) e a Pecs (nel sud-ovest), e divide quest'ultima sede con il vendor finlandese Elcoteq.

09 Giugno 2011