Roaming, via libera Ue agli sms a 11 centesimi

CELLULARI

È arrivato oggi il via libera formale del Consiglio Ue alle nuove regole che permettono di ridurre dal primo luglio del 60% le tariffe roaming per gli sms.
Per ogni messaggio inviato da un altro paese dell'Unione europea i consumatori non dovranno pagare più di 11 centesimi. Il nuovo regolamento prevede anche la possibilità di scaricare a tariffa massima film, inviare foto con il telefono cellulare e navigare su Internet senza trovare delle cattive sorprese al ritorno delle vacanze nei conti degli operatori telefonici. In più la fatturazione degli operatori telefonici delle chiamate in roaming non sarà più al minuto ma al secondo dopo i primi trenta secondi. Questo dovrebbe comportare fino al 24% di riduzione sulle fatture telefoniche.

Le regole adottate oggi in via definita erano già state approvate dal Consiglio dei ministri Ue e saranno applicate nell'insieme dei 27 stati membri.  Attualmente la media dei prezzi per l'invio di un sms dall'estero è di 0,28 euro. Per quanto riguarda il trasferimento di dati da un telefono cellulare è stato introdotto un plafond di 1 euro per megabyte scaricato a fronte di un prezzo medio attuale di 1,68 euro. Il plafond passeà a 0,80 euro nel 2010 e a 0,50 nel 2011. Inoltre viene proseguita la riduzione dei massimi tariffari per le chiamate in roaming: da 0,46 euro per le chiamate fatte e 0,22 euro per le chiamate ricevute all'estero, i tetti passeranno dal primo luglio 2009 rispettivamente a 0,43 e a 0,19 euro; il primo luglio 2010 saranno rispettivamente a 0,39 e 0,15 euro; il primo luglio 2011 a 0,35 e 0,11 euro.

08 Giugno 2009